Novità sui permessi Legge 104 e sui congedi per l’assistenza ai disabili

La questione in una circolare dell'Inps in linea con la Direttiva europea

Novità per quanto riguarda i permessi della Legge 104 e i congedi straordinari per l’assistenza ai disabili. L’Inps ha infatti divulgato una circolare con alcune modifiche inerenti il decreto del 30 giugno 2022, in linea con la Direttiva europea.

A tal proposito, nel documento sono state introdotte nuove regole come il prolungamento del congedo parentale e il bilanciamento dell’attività lavorativa con la vita familiare per coloro che prestano assistenza a persone con disabilità.

Per ciò che concerne i permessi previsti dalle legge 104/92 per i lavoratori dipendenti che assistono familiari disabili, potranno essere chiesti da più soggetti per la stessa persona. Rimane, in ogni caso, il limite dei tre giorni al mese. La questione del “referente unico dell’assistenza”, con riferimento proprio alla Legge 104, era stato già eliminato dal decreto n. 105/2022 e in aggiunta l’Inps spiega che, oltre alla consueta domanda del richiedente, è necessaria la dichiarazione della persona disabile.

Nella circolare si confermano i conviventi quali i soggetti prioritari nell’assistenza e per la richiesta dunque del congedo straordinario, al pari di coniugi e chi ha un’unione civile. I congedi per gravi motivi familiari possono esseri richiesti dai lavoratori dipendenti, pubblici o privati, in maniera continua o frazionata, ma per un periodo non superiore a due anni. La richiesta del congedo non implica alcuna retribuzione, né la copertura di contributi o lo scatto di anzianità di servizio.

In aggiunta, l’uso dei permessi Legge 104, il prolungamento del congedo parentale e delle ore di riposo alternative al congedo non sono cumulabili.

LEGGI ANCHE  Pensioni Quota 104: un'evoluzione necessaria
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.