Offerte di lavoro in Italia: il paese è spaccato in due

E le donne fanno ancora più fatica, rispetto agli uomini, a trovare un'occupazione

Diamo uno sguardo alle offerte di lavoro in Italia che evidenziano purtroppo una vera e propria spaccatura tra Nord e Sud ma anche tra uomini e donne. Sono quest’ultime, infatti, a incontrare sempre maggiori difficoltà nel trovare un’occupazione, colpa di una società ancora troppo maschilista. L’indagine svolta da Jobtech su 60mila utenti attivi sui portali verticali dell’agenzia nel secondo semestre del 2022, rivela importanti dati. Andiamo a scoprirli.

Offerte di lavoro in Italia: Nord più attivo del Sud

L’indagine mette in evidenza un Sud ancora molto in difficoltà e un Nord che viaggia decisamente meglio, garantendo maggiori possibilità di occupazione. Stando ai dati emersi dalla ricerca condotta da Jobtech, “nel secondo semestre del 2022, il 74% degli annunci di lavoro online proveniva dal Nord Italia (rispettivamente il 42% dal Nord-Ovest e il 32% dal Nord-Est). Dal Centro solo il 16%, mentre dal Sud e Isole solo il 10%: una situazione, questa, pressoché immutata rispetto alle rilevazioni del 2021“. Al Sud c’è dunque sempre maggiore disoccupazione e questa è una costante che purtroppo si ripete di anno in anno.

Uomini contro donne

Ma purtroppo c’è anche un’altra costante, quella che vede le donne soccombere sempre rispetto agli uomini, in campo lavorativo. Le donne cercano lavoro in misura maggiore rispetto agli uomini: 64,8%, contro 35,2%. I dati sull’occupazione del 2022 sono in crescita rispetto al 2021, ma non è in crescita la percentuale delle donne che hanno un lavoro. E questo significa che l’incremento dei dati sull’occupazione in Italia riguarda solo ed esclusivamente gli uomini. Va sottolineato poi un altro importante aspetto: le donne che cercano lavoro sono più qualificate degli uomini, e in questo caso ci si riferisce al possesso di titoli di studio: il 68,5% delle donne ha infatti almeno un diploma, contro il 59,2% degli uomini. 

LEGGI ANCHE  Pensione di reversibilità 2024: nuove regole Inps per nipoti maggiorenni orfani

Millennial sempre in difficoltà

E cosa dire del rapporto tra millennial e lavoro in Italia? Secondo l’indagine sono loro quelli che maggiormente soffrono la mancanza di un lavoro. Rappresentano il 41% del totale del campione della ricerca; segue, con il 35,1%, la Generazione X (che raggruppa i nati tra il 1965 e il 1980). 

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.