Quota 103 pensioni: al via la presentazione delle domande

Ecco tutti i requisiti richiesti per l'invio della domanda

L’Inps ha comunicato che è possibile presentare la domanda di pensione anticipata, ovvero quota 103. Per l’invio della richiesta è possibile usufruire non solo del call center, ma anche del sito internet il cui accesso è però riservato ai possessori di Spid, carta di identità elettronica o carta nazionale dei servizi. In alternativa è possibile rivolgersi ai patronati: ecco tutto quello che c’è da sapere sul via libera dell’Inps alle domande.

I requisiti previsti per la pensione quota 103

Per poter presentare domanda di pensione anticipata con quota 103, è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • aver maturato almeno 62 anni di età e almeno 41 anni di contributi da parte degli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme esclusive e sostitutive della stessa o alla gestione separata gestite dall’Inps;
  • non essere già titolari di un trattamento pensionistico a carico di una di queste.
  • Si può raggiungere il requisito contributivo anche cumulando i periodi contributivi non coincidenti versati nelle gestioni previdenziali.

Chi ha maturato già i requisiti nel 2022, la decorrenza partirà dal 1° aprile o dal 1° agosto (nel caso sia un dipendente pubblico), mentre chi matura i requisiti nel 2023 può avere una finestra di tre mesi (per i privati) e sei mesi se pubblico. Per tutti coloro che lavorano nella scuola, è necessario presentare la domanda di cessazione del servizio entro il 28 febbraio.

La differenza con quota 100 e 102

A differenza di quanto previsto per quota 100 e 102, l’importo lordo mensile della pensione non deve essere superiore a cinque volte il trattamento minimo. A tal riguardo, chi ha diritto a un assegno più consistente, si vedrà decurtare il contributo fino al raggiungimento del requisito anagrafico richiesto per il pensionamento di vecchiaia (che salvo modifiche fino al 2026 rimarrà 67 anni). Inoltre, altro aspetto da tenere in considerazione è che la quota 103 non è cumulabile con altri redditi da lavoro autonomo e dipendente, ad eccezione dal reddito da lavoro autonomo occasionale, nel limite dei a 5mila euro lordi all’anno. 

LEGGI ANCHE  CCNL 2024: stato dei contratti rinnovati, attese e aumenti retributivi

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Greta Esposito
Greta Esposito
Copywriter e web editor, ho la fortuna di fare della scrittura la mia professione. Non viaggio mai senza musica in cuffia e amo le maratone di film in bianco e nero. Di cosa non posso fare a meno? Della libertà di gestire il mio tempo per dedicarmi alle mie passioni.