Respinto emendamento per la proroga dello smart working per i fragili nel settore pubblico

La decisione politica sull'emendamento riguardante lo smart working nel settore pubblico evidenzia una disparità normativa e solleva dibattiti sulla parità di trattamento tra lavoratori pubblici e privati.

Nel dibattito politico attuale riguardante lo smart working nel settore pubblico, è stato respinto un emendamento al decreto Milleproroghe che avrebbe esteso la possibilità di lavoro agile fino al 30 giugno 2024 per i dipendenti pubblici considerati fragili. L’iniziativa, proposta dal Movimento 5 Stelle, ha sollevato una serie di questioni riguardanti la parità di trattamento tra lavoratori del settore pubblico e privato.

Disparità evidente tra pubblico e privato

Con il rifiuto dell’emendamento, emerge una disparità evidente tra le politiche per lo smart working nel settore pubblico e privato. Mentre i lavoratori fragili del settore privato possono continuare a lavorare da remoto fino al 31 marzo 2024, i loro omologhi nel settore pubblico hanno visto scadere tale possibilità alla fine del 2023.

Differenze nelle normative e nei diritti

Nel settore privato, i genitori con figli minori di 14 anni e i lavoratori fragili hanno il diritto allo smart working fino al 31 marzo, previa certificazione medica e rispettando determinati requisiti familiari. Nel settore pubblico, tuttavia, la situazione è meno chiara, con la legislazione attuale che offre agli enti pubblici la discrezionalità di concedere o meno lo smart working ai dipendenti fragili, senza garantire un diritto automatico.

La posizione del governo e le sue spiegazioni

Secondo il governo, la legislazione già prevede strumenti per sostenere i lavoratori fragili nel settore pubblico, evitando la necessità di una proroga specifica. La direttiva emanata il 29 dicembre 2023 consente ai dirigenti pubblici di valutare l’utilizzo dello smart working per proteggere i dipendenti più vulnerabili alla salute.

LEGGI ANCHE  Calendario pagamenti Assegno Unico INPS: tutte le date da luglio a dicembre 2024

La proposta respinta per uno smart working strutturale

Inoltre, è stata bocciata un’altra proposta del M5s per rendere strutturale lo smart working per i lavoratori fragili sia nel settore pubblico che privato, oltre ai genitori di figli con disabilità grave. Il governo ha argomentato che lo smart working è stato un’emanazione di emergenza durante la pandemia di COVID-19 e ora deve essere regolato dalla contrattazione collettiva come strumento organizzativo e di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Reazioni politiche

Il M5s ha criticato aspramente la decisione del governo, affermando che si tratta di una discriminazione nei confronti dei lavoratori fragili del settore pubblico. Continuano a sottolineare la necessità di una proroga per garantire la parità di trattamento e l’equità nei diritti lavorativi.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.