Scadenza Canone Rai: chi e come chiedere l’esenzione entro fine Aprile

Scopri chi può ottenere l'esenzione dal Canone Rai e quali sono le modalità per farlo, con tutte le informazioni utili prima della scadenza imminente.

A fine mese si avvicina irrimediabilmente la scadenza per richiedere l’esenzione dal pagamento del canone Rai. Coloro che rientrano in determinate categorie privilegiate possono ancora fare richiesta, evitando così l’addebito automatico del canone sulla bolletta. Ma a chi spetta questo privilegio e come funziona il processo?

Le categorie beneficiarie e le tempistiche di pagamento

Le categorie che possono godere dell’esenzione sono specifiche: anziani con più di 75 anni, individui con un reddito annuo complessivo non superiore a 8 mila euro, agenti diplomatici, funzionari consolari o militari non italiani.

Tuttavia, è importante rispettare le tempistiche di pagamento del canone: 31 gennaio per chi paga annualmente, 31 gennaio e 31 luglio per chi opta per il pagamento semestrale, mentre chi paga trimestralmente ha scadenze il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

Dettagli della casistica e dell’agevolazione per gli over 75

Per gli over 75, l’agevolazione si applica se in casa è presente almeno un apparecchio televisivo, a condizione che sia ubicato nel luogo di residenza. L’esenzione vale per l’intero anno se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio, altrimenti spetta per il secondo semestre.

Continuare a beneficiare dell’esenzione negli anni successivi

Coloro che hanno già presentato la dichiarazione sostitutiva possono continuare a beneficiare dell’agevolazione negli anni successivi, purché le condizioni di esenzione permangano. Tuttavia, se si perdono i requisiti precedentemente attestati, è necessario presentare una dichiarazione di variazione dei presupposti.

LEGGI ANCHE  Aumento stipendio lavoratori turismo da Giugno 2024: le novità

Come ottenere il rimborso se già pagato

Chi ha già pagato il canone TV pur avendo i requisiti per l’esenzione può chiedere il rimborso compilando l’apposito modello di richiesta, allegando la dichiarazione sostitutiva che attesta i requisiti per l’esenzione. Il rimborso può essere richiesto anche se il canone è stato versato tramite bolletta elettrica, previa presentazione della dichiarazione sostitutiva.

Procedura per la presentazione della Dichiarazione Sostitutiva e del rimborso

La dichiarazione sostitutiva e la richiesta di rimborso possono essere spedite per posta raccomandata all’Agenzia delle Entrate o trasmesse tramite firma digitale via PEC. È anche possibile consegnarle personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia.

Modalità di pagamento del canone Rai

Dal 2016 il canone TV può essere pagato tramite addebito sulla bolletta dell’energia elettrica per i titolari di utenza residenziale. Presentando la dichiarazione sostitutiva si evita l’addebito del canone sulla bolletta. Se l’intestatario dell’utenza non è il dichiarante, è necessario fornire i dati dell’intestatario sulla dichiarazione.

Quando presentare la Dichiarazione Sostitutiva

La dichiarazione sostitutiva va presentata anche in caso di cessazione anticipata di incarico diplomatico o nel caso di un contratto di energia elettrica residenziale senza apparecchio televisivo. Restano valide le richieste di esenzione presentate prima del maggio 2016.

Visita la nostra sezione dedicata alle news per rimanere aggiornato.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore