Straordinari in smart working e telelavoro, come funziona

Lavorare da remoto implica spesso svolgere le proprie mansioni anche più ore del previsto: come funzionano gli straordinari secondo la normativa.

Quantificare nel dettaglio l’orario lavorativo e riconoscere gli straordinari sono tematiche determinanti per il lavoro agile, incluse anche nel Protocollo sullo smart working.

Non c’è uno standard riconosciuto a livello universale. Queste situazioni, infatti, sono regolamentate autonomamente dalle aziende sulla base delle diverse attività gestionali adottate.

Come funziona l’orario di lavoro

Lo smart working è una modalità operativa del rapporto di lavoro dipendente basato sulla flessibilità di modi, luoghi e orari di lavoro.

La legge 81/2017 prevede che il lavoro agile venga svolto per alcuni periodi in azienda e per altri all’esterno.

Secondo la suddetta normativa “la prestazione lavorativa viene eseguita, in parte all’interno di locali aziendali e in parte all’esterno senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva”.

Sebbene durante la pandemia le aziende abbiano potuto far ricorso allo smart working semplificato, dal 1° gennaio 2023 è ritornata in vigore la disciplina ordinaria.

Si può fare orario straordinario con lo smart working?

Come accennato, la legge prevede che la prestazione di lavoro agile si svolga entro i limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

È necessario constatare che il vero smart working non ha vincoli di orari e pertanto non ha un orario di lavoro prestabilito e suddiviso in turni.

Questo comporta che, in teoria, il lavoratore è libero di organizzare la propria giornata lavorativa come preferisce. Da qui, è facile intuire come sia difficile misurare l’orario lavorativo del lavoratore in smart working.

LEGGI ANCHE  Stress lavorativo e burnout: 8 giovani su 10 pronti a lasciare il posto di lavoro

Tuttavia, è possibile svolgere lavoro straordinario anche in smart working. Ad esempio:

  • nell’accordo individuale, le parti possono pattuire le modalità con cui verrà chiesto (e retribuito) l’orario straordinario
  • anche se non è stato previsto nulla nell’accordo, se il lavoratore – d’intesa con la società – acconsente di fare straordinario, si tratta di una libera scelta, pienamente legittima.

Smart Working e iperconnessione

Il lavoro agile e la possibilità di fare orario straordinario non deve infatti tradursi in una disponibilità costante del lavoratore e in una iperconnessione.

La legge infatti prevede che l’accordo individuale deve “individuare i tempi di riposo del lavoratore e le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro”.

Anche il lavoro straordinario e le sue modalità dovrebbero essere regolati all’interno dell’accordo in modo dettagliato o in un apposito regolamento.

Se azienda e dipendente non hanno accordato la possibilità di svolgere lavoro straordinario, significa che la prestazione deve essere svolta nei limiti dell’orario ordinario.

Lo straordinario durante il telelavoro

A differenza dello smart working, il telelavoro prevede che il lavoratore abbia una postazione fissa dislocata in un luogo diverso dalla sede aziendale, comunemente a casa.

Il decreto legge 66/2003 ha previsto che per il telelavoro non si applicano le regole sullo straordinario in quanto si tratta di una un’attività che “non è misurata o predeterminata o può essere determinata dai lavoratori stessi”.

Ad ogni modo, spesso i CCNL equiparano questi lavoratori a tutti gli altri, almeno sotto il profilo del diritto al pagamento di una quota maggiorata di retribuzione per lo straordinario.

Se vuoi conoscere le ultime news sul mondo del lavoro, ti invitiamo a consultare la nostra pagina dedicata.

LEGGI ANCHE  Pagamento Naspi a febbraio 2024: ecco le date
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.