Trentino Trasporti avvia l’Academy per formare e assumere nuovi autisti e incrementa i bus green

Dopo il bilancio 2022 positivo l'azienda si concentra sulla sostenibilità

Approvato e chiuso positivamente il bilancio 2022 della Trentino Trasporti S.p.A. con oltre 9.000 euro. Questo l’annuncio del Presidente dell’azienda Diego Salvatore che lo scorso 3 maggio durante l’Assemblea dei Soci, ha comunicato non solo l’aumento dei mezzi di trasporto green, ma l’avvio dell’Academy Trentino Trasporti, che mira a formare gli autisti per poi provvedere al loro inserimento in azienda, in aggiunta ai 900 addetti già presenti.

Piano contro l’inflazione

Nonostante l’aumento delle materie prime energetiche, +36% il gasolio, +175% il metano di trazione, +835 il metano da riscaldamento, +67% l’energia elettrica, il Presidente ha sottolineato l’enorme economia aziendale, grazie al contenimento di costi e alla sempre attenta amministrazione finanziaria. La Società ha potuto inoltre contare su 2,6 milioni derivanti da effettivi risparmi aziendali relativi sia ai beni (1,9 milioni) che ai servizi (1,8 milioni).

Incremento dei mezzi di trasporto

La società in primis ha investito 12 milioni di euro, finanziati dal Pnrr, per la sostenibilità con l’inserimento di mezzi elettrici e a bio metano inseriti nella viabilità di Trento a partire dal 2024. In aggiunta verrà incrementato anche il servizio di trasporto pubblico che coprirà l’1,9% di percorrenze in più rispetto al 2021.

Formazione e assunzione

Saranno 20 i posti per gli aspiranti autisti, che a spesa dell’azienda avranno la possibilità di ottenere la patente di guida dei mezzi di trasporto pubblici. Dopo il conseguimento della patente, le assunzioni prevederanno un contratto a tempo indeterminato e una paga base 1.400 euro.

LEGGI ANCHE  Guida Tari 2024: scadenze, calcolo e novità da conoscere
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.