Triplo stipendio a dicembre 2022 per i dipendenti pubblici

In busta paga aumenti contrattuali e arretrati per oltre 400mila lavoratori

Sono l’85% i dipendenti pubblici in Italia, a cui a dicembre 2022 spetterà non solo il consueto stipendio e la tredicesima, ma anche una terza somma che includerà gli aumenti contrattuali e gli arretrati maturati nel triennio 2019/2021, questi ultimi nell’attesa del prossimo rinnovo. La quota in più prevista, sarà coperta da 5 miliardi di euro lordi che verranno dunque suddivisi nelle buste paga dei lavoratori.

Per quanto riguarda la somma concessa ai singoli, sia che si tratti degli aumenti sia degli arretrati, dipenderà dalla posizione economica che si ricopre. Per ciò che concerne gli aumenti si parte dalla somma più bassa di 56,1 euro lordi al mese (posizione A1) a quella più alta di 104,28 euro mensili (posizione D7), arrivando, con le risorse aggiuntive, anche a 117,53 euro. Gli arretrati invece oscillano dai 1.210 a circa 2.252 euro lordi, con una media di circa 1.727,63 euro.

Le cifre inoltre salgono maggiormente in vista del nuovo contratto che obbliga l’aumento della nuova indennità di vacanza contrattuale, riconosciuta dallo scorso aprile per il triennio 2022-2024.

Chi riceverà gli aumenti retribuitivi a dicembre saranno insegnanti, dipendenti della sanità, degli enti locali e delle camere di commercio, mentre sono esclusi gli impiegati dei ministeri e delle agenzie fiscali il cui contratto era già stato rinnovato lo scorso maggio 2022.

Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui