Progetto MAPmyJob dallInformaGiovani dell’Emilia Romagna

Se non siete emiliani è difficile che vi siate imbattuti nel portale “Informa Giovani online”, ma dovreste: in Italia non ci sono esempi simili di supporto web ai giovani, con servizi che vanno dalle offerte di lavoro, agli annunci per cercare casa, alle proposte di studio all’estero, ad un’intera sezione dedicata esclusivamente agli studenti universitari, con informazioni di qualunque tipo.

Un progetto così ben articolato e funzionale ha le sue radici nell’Accordo di Programma Quadro GECO – Giovani Evoluti e Consapevoli in materia di politiche giovanili, siglato dal Ministero della Gioventù e dalla Regione Emilia-Romagna nel 2007. Da qui è nato Informa Giovani online, un sistema informativo regionale accessibile a tutti i giovani e con il compito quasi utopico di fornire una gamma di informazioni completa in tutte le tematiche di interesse giovanile.

In particolare, tra i servizi più efficienti del sito troviamo MAPmyHOUSE e MAPmyJOB: due portali a parte che si occupano di aiutare i giovani nella ricerca di una casa e di un lavoro.

MAPmyHOUSE
E’ un database di case e “stanze” che si trovano in tutte le province emiliane. Il motore di ricerca interno è estremamente efficiente, e le offerte sono catalogate per tipologia, prezzo, provincia ed è anche disponibile una mappa per valutare la convenienza della posizione rispetto all’università e ad altri luoghi d’interesse.

MAPmyJOB
Funziona con lo stesso principio di MAPmyHOUSE: un database corposo e in costante aggiornamento in cui le aziende e gli enti inseriscono le loro offerte di lavoro e da cui i ragazzi possono attingere liberamente. Le offerte sono consultabili in base alla tipologia (concorso pubblico/offerta privata), alla categoria professionale e alla dislocazione della sede di lavoro.

Dei servizi niente male per i giovani che provengono dalla regione o che hanno deciso di trasferirsi lì: la nostra speranza è che simili servizi non rimangano una chimerica prerogativa dell’Emilia-Romagna, ma che anche altri giovani italiani possano al più presto usufruirne nelle rispettive regioni.

Annunci Correlati

Menu