Assunzioni in banca: 10.000 posti disponibili

In arrivo nuove assunzioni in banca. Entro il prossimo 2023 si apriranno ben 10.000 posizioni presso i principali Istituti di Credito. Ecco tutti i requisiti necessari per candidarsi.

10mila posti in banca: ecco dove

Grandi novità in arrivo per chi è alla ricerca di un posto in banca. Sembra infatti che entro il prossimo 2023 diversi Istituti di Credito assumeranno ben 10.000 nuove risorse. Di seguito la distribuzione dei posti:

  • 3.500 posti in Intesa San Paolo entro metà del 2024;
  • 2.600 posti in Unicredit entro il 2023;
  • 1.000 posti in Mediobanca entro il 2023;
  • 764 assunzioni entro il 2023 per Banca Sella;
  • 750 posti per il Banco Bpm entro il 2023;
  • 600 assunzioni per la banca Popolare di Sondrio entro il 2023;
  • 550 posti per Bnl-BnpParibas;
  • 450 per Bper entro il 2023;
  • 300 assunzioni entro il 2023 per Credit Agricole;
  • 200 posti in banca in Credem entro quest’anno.

Mediobanca ha invece specificato che assumerà 400 dipendenti e 600 consulenti finanziari a contratto. Secondo un’indagine del Sole 24ore sembra inoltre che fra i requisiti più richiesti prevalga il possesso di una laurea in discipline STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica). Tuttavia, il 50% delle offerte di lavoro riguarderà laureati in economia, mentre un ulteriore 20% sarà riservato ai laureati in materie umanistiche. L’interesse nei confronti delle lauree STEM sembra in forte ascesa, in quanto le banche hanno sempre più bisogno di figure specializzate nell’ambito delle nuove tecnologie. L’avvento del digital banking ha messo in primo piano la necessità di integrare gli organici aziendali con nuove professionalità, fra cui sviluppatori di software e analisti dei dati.

Il nuovo piano di assunzioni previsto dagli Istituti di Credito non è dovuto solo al bisogno di coprire i posti lasciati liberi dai pensionamenti. Le banche stanno infatti attraversando un importante fase di cambiamento, che interessa molte delle figure generalmente impiegate in questo settore. E’ quindi chiaro che le prossime selezioni riguarderanno sempre più ruoli meno tradizionali e più vicini invece alle nuove esigenze del mercato.

 

Annunci Correlati

Menu