Assunzioni nella scuola: tutto sulle immissioni in ruolo 2021

Come si svolgeranno le assunzioni nella scuola quest’anno? Cosa sono le fasce aggiuntive e come funzionano? Ecco tutte le informazioni e le novità sulle immissioni in ruolo nel 2021.

Assunzioni nella scuola 2021: tutte le novità

Dall’anno scolastico 2021/2022 le immissioni in ruolo dei docenti avverranno principalmente tramite due modalità. In particolare, le immissioni in ruolo ordinarie saranno effettate tramite concorsi pubblici (50%) e GAE (50%). Le fasce aggiuntive saranno utilizzate annualmente e fino al loro esaurimento. Le restanti immissioni verranno invece effettuate tramite procedura straordinaria con chiamata veloce.

Cos’è la fascia aggiuntiva?

Per fascia aggiuntiva si intende un elenco/graduatoria in coda. In questo caso, in particolare, si tratta di un elenco che si aggiunge alla graduatoria dei vincitori ed idonei del:

  • concorso 2018 Infanzia e Primaria D.D.G. 1546 del 7 novembre 2018;
  • concorso Secondaria D.D.G. 85 del 1° febbraio 2018.

In questa fascia aggiuntiva si sono iscritti (entro il 17 luglio 2020) tutti i docenti vincitori e idonei del concorso 2016, già presenti nelle rispettive graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi. La domanda è stata presentata dai docenti interessati più di sei mesi fa per una sola regione, la stessa o un’altra rispetto a quella in cui si trovavano nelle graduatorie del concorso 2016. L’obiettivo di queste fasce aggiuntive, in particolare, è quello di offrire agli aspiranti docenti aspiranti in ruolo una possibilità in più di assunzione, soprattutto in previsione della scadenza di validità delle graduatorie, un problema che interessa da vicino gli idonei.

Per l’anno 2021/2022, quindi, nel caso delle immissioni in ruolo nella scuola secondaria, l’80% del 50% sarà destinato ai vincitori e gli idonei presenti nelle graduatorie dei concorsi docenti 2016-2018 e fascia aggiuntiva. Il restante 20% andrà invece alle nuove graduatorie di merito del Concorso straordinario 2020. Infine, al termine delle operazioni ordinarie, si avvierà la procedura straordinaria che prevede la call veloce. Si tratta della possibilità di assunzione in un’altra provincia/regione sui posti rimasti vacanti.

Annunci Correlati

Menu