Concorsi pubblici Covid-19: adottato il protocollo

Concorsi pubblici Covid-19: il Dipartimento della funzione pubblica ha appena adottato il Protocollo per la prevenzione e la protezione dal rischio di contagio da COVID-19. Ecco come cambia la gestione e organizzazione delle selezioni pubbliche.

Concorsi pubblici Covid-19: il protocollo

Il Protocollo si rivolge ai soggetti coinvolti a vario titolo nelle procedure concorsuali fra cui: le amministrazioni titolari delle procedure concorsuali, le commissioni esaminatrici, il personale di vigilanza, i candidati e gli altri enti pubblici e privati coinvolti nella gestione dei concorsi.

In particolare, questo protocollo prevede una serie di misure igienico sanitarie che dovranno essere adottate nell’organizzazione delle selezioni. Nello specifico si prevedono specifiche indicazioni in merito ai requisiti delle aree concorsuali, ai requisiti dimensionali delle aule concorso (organizzazione dell’accesso, seduta e dell’uscita dei candidati) e per lo svolgimento della prova. Il protocollo è stato già validato dal Comitato-tecnico scientifico presso il Dipartimento della protezione civile.

Come stabilito dal DPCM dello scorso 16 gennaio, i concorsi pubblici riprenderanno a partire dal 15 febbraio. In particolare, il decreto stabilisce che da questa data sarà possibile svolgere le prove selettive per un massimo di 30 candidati per sessione. In ogni caso le commissioni avranno la possibilità di correggere le prove scritte con collegamento da remoto.

Annunci Correlati

Menu