Cosa cambia sul concorso scuola col nuovo DPCM: ecco le ultime novità

Cosa cambia sul concorso scuola col nuovo DPCM? Mario Draghi ha messo a punto l’ultimo decreto che prevede la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nelle regioni in zona rossa. Ma cosa cambia per quanto riguarda lo svolgimento dell’attesissimo concorso sulla scuola? Si svolgerà nonostante una situazione, quella legata al Coronavirus, ancora molto delicata? Si è detto che nel 2021 molti dei concorsi bloccati nel 2020 a causa della pandemia si sarebbero svolti regolarmente. Scopriamo cosa è stato deciso sul concorso scuola alla luce del nuovo DPCM.

Cosa cambia sul concorso scuola col nuovo DPCM

Continuando comunque continuare a tenere alta l’attenzione sulle misure anti contagio durante lo svolgimento dei concorsi pubblici, il decreto firmato da Mario Draghi prevede che anche in zona rossa le prove si potranno svolgere ma con un massimo di trenta candidati per sessione. Le amministrazioni dovranno adottare le opportune misure anti contagio mirate a ridurre i contatti ravvicinati tra i candidati. Allo stesso tempo dovranno garantire la necessaria distanza di sicurezza, durante la fase dell’accesso e dell’uscita dalla sede, dell’identificazione e dello svolgimento delle prove. La sospensione delle prove preselettive e scritte vale per le procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni a eccezione di quelle per cui le selezioni possono svolgersi in modalità telematica.

Insomma nonostante la situazione legata al Coronavirus sia ancora molto delicata, il concorso per la scuola si farà. E’ tantissima l’attesa per un bando che ha chiamato a raccolta migliaia di persone che hanno sfruttato il sempre più ingente bisogno di insegnanti per provare a trovare occupazione in un campo sicuramente molto ambito, quello appunto dell’insegnamento.

Annunci Correlati

Menu