Ripresa concorsi pubblici 2021: via libera alle prove selettive dal 15 febbraio

Ripresa concorsi pubblici 2021: dal 15 febbraio via libera alle prove selettive, ma con sessioni ridotte. Il nuovo DPCM, entrato in vigore lo scorso 16 gennaio, ha infatti sancito la ripresa di alcuni concorsi. Ecco tutti i dettagli e le nuove indicazioni.

Ripresa concorsi pubblici 2021: le nuove indicazioni

Il DPCM del 16 gennaio ha sancito la ripresa dei concorsi pubblici che erano stati sospesi nei mesi precedenti a causa dell’emergenza Covid. In particolare, il nuovo decreto stabilisce che a partire dal prossimo 15 febbraio sarà possibile svolgere le prove selettive per un massimo di 30 candidati per sessione. In ogni caso resta la possibilità per le commissioni di correggere le prove scritte con collegamento da remoto.

Inoltre, in linea generale, si conferma la sospensione delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni. Sono esclusi tutti quei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica. Non solo, la sospensione non riguarderà i concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale, gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo e di quelli per il personale della protezione civile. Per maggiori informazioni è possibile consultare il DPCM pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 14 gennaio.

 

Annunci Correlati

Menu