Solidarietà digitale: cos’ è e quali sono i servizi gratuiti

In questo momento così particolare per fare fronte alle restrizioni imposte dal governo  e contenere la diffusione del coronavirus Agid e il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione hanno lanciato l’iniziativa Solidarietà digitale.

Si tratta di una collaborazione tra pubblico e privato per sostenere aziende e cittadini in questo difficile momento. L’obiettivo è quello di alleggerire, per quanto possibile, le restrizioni che siamo costretti ad osservare da qualche settimana.

Le aziende aderenti al progetto offrono strumenti per praticare in modo sicuro il lavoro agile, permettendo così alle imprese di contenere e non risentire di perdite economiche e contemporaneamente garantire lavoro ai dipendenti. Si è pensato anche ai ragazzi. Nonostante la chiusura delle scuole, viene data l’opportunità a tanti studenti di usufruire dell’ e-learinig dandogli così la possibilità di rimanere al passo con il calendario scolastico. Agid, sul proprio sito ha spiegato di aver iniziato un dialogo con imprese, associazioni e start up che hanno risposto all’iniziativa promossa dal Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione per rendere quanto prima fruibili tutti i servizi messi a disposizione.

Solidarietà digitale, le aziende per lo smart working

Tra le aziende che si sono offerte per agevolare lo smart working ci sono:

  • Microsoft: l’azienda americana, offre la consulenza dei suoi esperti e la propria tecnologia a sostengo dello smart working per PMI, aziende pubbliche, private e scuole. Per aderire e maggiori informazioni consultate la pagina sul sito ufficiale Microsoft.
  • CoreTech: offre gratuitamente a privati e PA il software di controllo Sygma Connect per usufruire di un collegamento da remoto a un computer proprio o quello dell’ufficio. È disponibile per software Windows, Mac e Linux. Per usufruirne bisogna richiedere un account personale direttamente sulla pagina dedicata al progetto.
  • Connexia: mette a disposizione l’utilizzo di Webex, gratis per due settimane per chiunque lo richieda e senza obblighi alla fine del periodo. Per aderire bisogna scrivere a [email protected] indicando nome dell’azienda, nomi, cognomi, indirizzi email delle persone che dovranno schedulare le sezioni.
  • G Suite: tutti i clienti Gsuite, università, scuole e no profit fino al primo luglio 2020 potranno accedere alle funzionalità avanzate di Hangouts Meet per videoconferenze. La tecnologia permette di effettuare una videochiamata fino a 250 partecipanti e streaming fino a 100.000 utenti con la possibilità di registrare i meeting su Google Drive. Altre info e come accedere sono sul sito Gsuits.

Servizi, telefonia e giga gratis

Alcune tra le imprese che offrono servizi per l’iniziativa Solidarietà digitale sono:

  • Amazon Web service: propone un pacchetto di crediti per accedere a piani di supporto e assistenza per progetti relativi all’emergenza. I servizi sono rivolti a PA, ONG, aziende e start up. Per aderire basta inviare una email all’ indirizzo [email protected].
  • Fastweb: l’azienda ha aumentato a 50 GB il pacchetto dati di tutte le sim ricaricabili per tutti i residenti in zona rossa. Il servizio è gratuito e senza scadenza.
  • Vodafone: ha eliminato tutte le limitazione ai minuti di chiamata, giga e sms. È stata prevista anche la cancellazione del traffico dati sulle sim voce per imprese e partite Iva, per facilitare lo smart working. Il servizio viene attivato in automatico.

Solidarietà digitale e E-learning

La solidarietà digitale prevede anche strumenti per gli studenti favorendo l’e-learning. Tra le realtà proposte troviamo:

  • We school (powered by TIM): la piattaforma permette di creare una classe digitale dove i docenti possono condividere contenuti, organizzare test e lavori. I docenti avranno la possibilità di caricare video in streaming così da simulare una lezione come se ci si trovasse on line. Il servizio weschool è gratuito ed i docenti dopo aver letto la guida potranno accedere alla piattaforma tramite web, App Android o App iOS.
  • Amazon: dedicata ad insegnanti di scuole elementari e medie delle zone rosse, offre webinar gratuiti in ambito STEM. Per aderire il docente dovrà mandare una email a [email protected] con oggetto “Webinar STEM”, indicando i propri dati e la scuola dove si insegna.

Informazione e intrattenimento

La Solidarietà digitale prevede una sezione dedicata ad intrattenimento e informazioni. Tra le aziende che hanno aderito ci sono:

  • Infinity: la piattaforma del gruppo mediaset offre due mesi gratuiti di prova del servizio. Basterà registrarsi su infinitytv dal 7 marzo, per poter vedere l’intero palinsesto offerto.
  • Gruppo Mondadori: il gruppo offre tre mesi di abbonamento gratis ai magazin del gruppo e chi vive nella zona rossa potrà leggere un e-book gratis scelto dal catalogo Mondadori. Per accedere e necessario avere lo Spid, Sistema Pubblico di Identità Digitale.
  • Gruppo Gedi: tre mesi di abbonamento gratuito ai quotidiani La Stampa, Repubblica e il Mattino di Padova.

Per accedere alla lista completa di tutte le aziende e dei servizi offerti in Solidarietà digitale le trovate sul sito Agid.

Annunci Correlati

Menu