Scatti di anzianità: calcolo e impatto sullo stipendio

Come gli scatti di anzianità influenzano lo stipendio: calcolo, frequenza e requisiti.

Scatti di anzianità sono un concetto chiave nel panorama lavorativo, che incide in modo significativo sull’evoluzione dello stipendio. Questi incrementi salariali, regolamentati dalla Contrattazione Collettiva Nazionale del Lavoro (CCNL), rappresentano un riconoscimento dell’esperienza e della dedizione dei lavoratori. Ogni dipendente, nel corso della propria carriera, si imbatte in questi aumenti retributivi, i quali influenzano la crescita economica e professionale. Di seguito offriamo maggiori informazioni.

La retribuzione con gli scatti di anzianità

Gli innalzamenti retributivi noti come “scatti di anzianità” sono una procedura radicata nel mondo del lavoro, dove i dipendenti ottengono automaticamente un incremento periodico sulla base dell’esperienza guadagnata nella medesima impresa. Questa metodologia di stipendio, governata dalla Contrattazione Collettiva Nazionale del Lavoro (CCNL), rappresenta un motivatore affinché i dipendenti continuino a lavorare nello stesso ambiente, potenziando in modo progressivo le proprie abilità e, di conseguenza, producendo un’elevata performance aziendale.

Quanto aumenta lo stipendio con lo scatto di anzianità?

Il totale e la periodicità delle maturazioni professionali differiscono in base al campo di lavoro e alle clausole contrattuali specifiche. Di solito, tali innalzamenti fluttuano tra 7 e 10, e il loro accumulo è determinato dai regolamenti del CCNL e dalle peculiarità del contratto di lavoro. Inoltre, l’importo dell’aumento di stipendio cambia in base al CCNL di riferimento.

La periodicità con cui si accumulano gli scatti di anzianità dipende prevalentemente dalla durata del servizio svolto dal lavoratore, calcolata dalla data di assunzione. Queste crescite possono essere espresse in percentuali o cifre fisse e mirano a ricompensare l’abnegazione e la devozione del lavoratore, riconoscendo il livello di competenza professionale acquisito nel tempo.

LEGGI ANCHE  Proroga dello split payment IVA fino al 2026

In pratica, gli scatti di anzianità rappresentano un metodo per valorizzare l’esperienza guadagnata dai dipendenti all’interno dell’azienda negli anni passati. Mantenere tali innalzamenti di stipendio è un investimento a lungo termine per l’impresa, dal momento che incoraggia i dipendenti a perseverare nello stesso ambiente lavorativo. Così si promuove anche il continuo miglioramento delle abilità e assicurando così una performance aziendale eccellente nel tempo.

Individuare e calcolare gli scatti di anzianità in busta paga

Nella busta paga è possibile individuare gli scatti di anzianità. Questi rappresentano aumenti salariali, ovvero somme extra incluse nel calcolo del salario mensile del dipendente. Di conseguenza, tali importi sono indicati nella busta paga fornita dal datore di lavoro, solitamente separati dallo stipendio base e identificati come incrementi salariali specifici.

Per individuare le maturità in busta paga, è sufficiente esaminare la busta paga: nella sezione dedicata alle componenti fisse del compenso, accanto alla voce relativa allo stipendio base, si troverà una denominazione chiamata “Scatti” o simile.

Per determinare l’importo dello scatto presente nella busta paga, è necessario essere a conoscenza dell’entità dell’aumento stabilito dal Contratto Collettivo Nazionale (CCNL), che tiene conto del settore di appartenenza e delle specifiche condizioni contrattuali. Di solito, l’importo dell’aumento salariale viene espresso come percentuale rispetto allo stipendio base o come cifra fissa, ed è solitamente riportato in una tabella dettagliata.

Per calcolare lo scatto successivo presente nella busta paga, è possibile seguire i seguenti passaggi:

  1. Determinare la paga minima contrattuale relativa alla propria categoria professionale: di solito, lo scatto corrisponde al 4% della paga base contrattuale, che varia in base al tipo di lavoro svolto.
  2. Moltiplicare la paga minima per il 4%: il risultato ottenuto rappresenterà il valore dello scatto di anzianità.
  3. Infine, è importante conoscere la data di riferimento: gli scatti di anzianità vengono conteggiati a partire dalla data di assunzione indicata nel contratto di lavoro.
LEGGI ANCHE  Fondo Crescita Sostenibile imprese del Sud: la guida

Esempio di maturità professionali

Per illustrare, consideriamo i passaggi di livello e le maturità professionali secondo il Contratto Collettivo Nazionale del Commercio (CCNL). Secondo quest’accordo, il personale che lavora nella medesima impresa ha diritto a ricevere dieci maturità triennali. Ciò significa che un dipendente può ottenere una maturità professionale ogni 3 anni, fino a un totale di 10 maturità.

Le maturità professionali hanno un valore specifico, che varia in base al livello di classificazione, come segue:

  • Quadro: 25,46 euro
  • I livello: 24,84 euro
  • II livello: 22,83 euro
  • III livello: 21,95 euro
  • IV livello: 20,66 euro
  • V livello: 20,30 euro
  • VI livello: 19,73 euro
  • VII livello: 19,47 euro

Diritto agli scatti di anzianità e condizioni di perdita

Non tutti i lavoratori possono avanzare automaticamente il diritto agli scatti di anzianità, poiché tale privilegio dipende dai regolamenti del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL) applicabile. In generale, possono usufruire delle maturità professionali coloro che:

  • sono assunti con un contratto a tempo indeterminato;
  • sono assunti con un contratto a tempo determinato;
  • sono impiegati con un contratto di lavoro subordinato.

Non ne hanno diritto, invece, collaboratori autonomi e stagisti. Gli scatti si perdono cambiando datore di lavoro o in caso di riassunzione, con necessità di ricalcolo basato sulla nuova data di assunzione. Durante un avanzamento di livello, gli scatti possono essere assorbiti nell’aumento salariale complessivo, richiedendo talvolta una compensazione aggiuntiva.

Ulteriori informazioni

Per trovare aggiornamenti sulle dinamiche e le novità nel mondo del lavoro, si consiglia di consultare la sezione News di Circuito Lavoro, dove si trovano approfondimenti e aggiornamenti continui. È altresì utile esplorare la sezione Bonus per scoprire le ultime novità su incentivi e sussidi disponibili, che possono offrire vantaggi significativi nel proprio percorso professionale e retributivo.

LEGGI ANCHE  Incentivi assunzioni lavoratori socialmente Utili (LSU) 2024: la guida
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore