Bonus bollette 2024: nuove regole e requisiti per gli sgravi energetici

Chi può beneficiarne, come richiedere gli sgravi e quanto si può risparmiare.

Nel corso del 2024, sono entrate in vigore importanti modifiche riguardanti l’accesso al bonus sociale sulle bollette, volto a sostenere le famiglie in difficoltà economica nel campo dei consumi energetici. Queste modifiche hanno ristretto la platea dei beneficiari, con l’intento di concentrare gli aiuti su coloro che ne hanno effettivamente bisogno.

Un aiuto contro il caro prezzi

In passato, l’aumento dei prezzi dell’energia, causato sia dall’inflazione che dalla situazione di conflitto in Ucraina, aveva determinato un ampliamento dei criteri per accedere al bonus sociale. Tuttavia, con il mutare delle condizioni economiche e geopolitiche, il governo ha deciso di revocare il bonus “rafforzato”, tornando a un regime ordinario.

Regime ordinario: chi può beneficiare degli sgravi?

Con il ritorno al regime ordinario, la soglia dell’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) per ottenere il bonus sulle bollette è stata ridotta. Ora possono accedervi i nuclei familiari con un ISEE annuo fino a 9.530 euro, oppure fino a 20.000 euro per chi ha almeno quattro figli a carico.

Cumulabilità dei Bonus

Resta immutata la possibilità di cumulare il bonus sulla bolletta dell’elettricità con quello relativo al gas, offrendo un ulteriore sollievo alle famiglie beneficiarie.

Importi fissi

Una regola costante riguarda gli importi fissi del bonus, che non tengono conto dei consumi effettivi. Per il primo trimestre del 2024, l’importo varia da un minimo di 113 a un massimo di 161 euro per l’elettricità, a cui si aggiunge un contributo straordinario di 76-113 euro.

LEGGI ANCHE  Servizio civile universale 2024: le date dei nuovi pagamenti

Per quanto riguarda il gas, il bonus oscilla da 36 a 143 euro per i primi tre mesi dell’anno in corso.

Fattori determinanti per l’importo dello sgravio

L’importo del bonus dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare e da altri fattori come la zona climatica di residenza e la destinazione d’uso del gas (per esempio, solo per cucina, riscaldamento o entrambi).

Come richiedere il Bonus: procedure semplificate

Per ottenere i bonus luce e gas, è sufficiente presentare all’INPS la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) aggiornata, compilabile autonomamente sul sito dell’Istituto di previdenza o tramite gli uffici Caf.

Le migliori offerte sul mercato libero

La possibilità di cumulare i bonus con le migliori offerte disponibili sul mercato libero di luce e gas consente alle famiglie di ridurre significativamente, se non addirittura azzerare, gli oneri sulle bollette relative ai consumi domestici.

Stima dei consumi: un’anteprima dei costi

Attraverso strumenti come il comparatore di Sostariffe.it, è possibile stimare i consumi annui e ottenere un’idea della spesa prevista. Sottraendo l’importo dei bonus sociali, l’utente può valutare con precisione l’impatto economico sul proprio bilancio familiare.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.