Bonus compostaggio 2024: scadenza e dettagli per la domanda

Scopri come ottenere il credito d'imposta del 70% per l'installazione di impianti di compostaggio. Presenta la domanda entro il 31 maggio.

Per le imprese agroalimentari di regioni come Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, e Sicilia, è previsto un incentivo significativo legato al settore del compostaggio. Il bonus compostaggio 2024 offre un credito d’imposta del 70% per le spese sostenute nell’installazione di impianti di compostaggio, con una scadenza imminente per la presentazione della domanda fissata al 31 maggio.

Caratteristiche principali del Bonus

La Legge di Bilancio 2022 ha introdotto un beneficio rivolto alle imprese che hanno sostenuto spese per l’installazione e l’attivazione di impianti di compostaggio all’interno dei centri agroalimentari nelle regioni interessate. Questa misura offre un credito d’imposta utilizzabile tramite il modello F24, con un importo massimo di 1 milione di euro all’anno. I gestori dei centri agroalimentari possono anche presentare domanda per usufruire di questo beneficio. È da notare che il bonus non influisce sul reddito per la formazione né sull’Irap.

Modalità di domanda per il Bonus

Le imprese interessate devono inoltrare una domanda specifica tramite un portale dedicato dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando il modello ufficiale disponibile sullo stesso. Dopo la presentazione, seguirà un controllo da parte dell’Agenzia che determinerà l’ammontare del credito d’imposta spettante, basandosi sugli importi documentati nell’anno di riferimento.

Dettagli sull’utilizzo del credito d’imposta

Il credito d’imposta ottenibile dal bonus sarà calcolato in base alle comunicazioni ricevute e ai limiti di spesa previsti. In casi dove le richieste non superano il limite di spesa previsto, il credito sarà riconosciuto al 100%. Diversamente, verranno applicate delle riduzioni proporzionali per garantire una distribuzione equa tra tutte le imprese aventi diritto.

LEGGI ANCHE  Ritardo Carta Acquisti da 80 euro in Luglio: dettagli sul calendario e sul saldo

Considerazioni aggiuntive

Per ottenere il massimo vantaggio da questa opportunità, è essenziale comprenderne tutte le specifiche e rimanere aggiornati sulle eventuali modifiche o scadenze. Con l’approssimarsi della scadenza del 31 maggio, le imprese operanti nel settore agroalimentare delle regioni interessate dovrebbero agire rapidamente per avvalersi di questo importante sostegno alla sostenibilità ambientale.

Per maggiori informazioni e per rimanere aggiornati sulle ultime novità, visita la sezione dedicata a bonus e incentivi sul nostro sito.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore