Bonus asilo nido: tutto ciò che devi sapere

Leggi i requisiti, la procedura di domanda e le scadenze per il Bonus Asilo Nido 2023.

Il bonus asilo nido 2023 è tornato con l’obiettivo di offrire un sostegno economico significativo alle famiglie italiane. Questo incentivo, che può arrivare fino a 3.000 euro, è destinato al pagamento delle rette degli asili nido, sia pubblici che privati, e riguarda anche bambini con gravi patologie croniche.

In questo articolo, esamineremo i requisiti per accedere al bonus, la procedura di domanda e le scadenze importanti da tenere a mente.

Requisiti per la domanda di bonus asilo nido

Il bonus asilo nido 2023 è disponibile per le famiglie che soddisfano determinati requisiti. Per presentare una domanda, è necessario essere cittadini italiani o comunitari o possedere un regolare permesso di soggiorno valido nell’Unione europea. Inoltre, i genitori con protezione sussidiaria o status di rifugiati politici, indipendentemente dalla loro cittadinanza, hanno il diritto di fare richiesta.

Chi può beneficiare del Bonus Asilo Nido 2023?

È importante notare che, se si hanno più di un figlio che frequenta l’asilo, è necessario presentare una domanda separata per ciascun bambino. La richiesta deve essere presentata da un genitore o da chi ha l’affido legale del bambino.

Inoltre, il richiedente deve essere colui che effettivamente paga la retta dell’asilo. Al momento della domanda, è necessario fornire l’attestazione di residenza in Italia e dimostrare che il bambino vive con il genitore richiedente. È inoltre obbligatorio indicare il numero di mesi in cui il minorenne ha frequentato l’asilo, dall’inizio di gennaio fino a dicembre 2023, con un massimo di 11 mesi.

LEGGI ANCHE  Bonus pedaggi autostradali 2024: guida completa per autotrasportatori

Calcolo dell’importo in base alle soglie Isee

L’importo del bonus varia in base all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) minorenni della famiglia. Ecco come funzionano le soglie:

  • Isee minorenni fino a 25.000 euro: il limite massimo è di 3.000 euro all’anno, che corrispondono a un massimo di 272,73 euro al mese per 11 mensilità.
  • Isee minorenni da 25.000 a 40.000 euro: il limite massimo è di 2.500 euro all’anno, ovvero 227,27 euro al mese per 11 mensilità.
  • Isee minorenni sopra i 40.000 euro: il limite massimo è di 1.500 euro all’anno, cioè 136,37 euro al mese per 11 mensilità.

È importante sottolineare che l’importo del bonus non può superare l’importo effettivamente pagato per la retta dell’asilo.

Bonus per i bambini con patologie croniche

Per le famiglie con bambini di età inferiore ai tre anni che non possono frequentare l’asilo nido a causa di gravi patologie croniche, esiste un’opzione speciale. Oltre alla domanda standard, è necessario presentare un attestato rilasciato da un pediatra. L’importo del bonus è identico a quello dell’asilo nido ordinario e segue le stesse fasce di Isee minorenni. Tuttavia, la somma viene erogata in un’unica soluzione anziché in mensilità separate.

Modalità di presentazione della domanda

Il primo passo per avanzare la richiesta per il Bonus asilo nido consiste nell’accesso al servizio dedicato sul portale dell’INPS, dove le credenziali SPID, CIE o CNS rappresentano le chiavi di accesso per presentare autonomamente la domanda online. Nella schermata iniziale, è necessario fare clic sulla voce “Inserimento” per avviare la compilazione di una nuova domanda.

Successivamente, si procede alla compilazione dell’istanza, suddivisa nell’inserimento dei seguenti dati:

  • Dati personali del richiedente
  • Informazioni sull’asilo nido e sulla frequenza
  • Scelta della modalità di pagamento
  • Presentazione di una dichiarazione di responsabilità
  • Riepilogo della richiesta
  • Invio della domanda
LEGGI ANCHE  Bonus Ricerca, Innovazione, Competitività imprese Mezzogiorno 2024: la guida

È importante prestare attenzione alle istruzioni riguardanti le modalità di pagamento del bonus nido. Il mezzo selezionato durante la procedura deve essere intestato al richiedente. Nel caso in cui la domanda sia presentata dal legale rappresentante per conto del genitore minorenne o incapace, il mezzo di pagamento deve essere intestato al genitore minorenne o incapace.

Le opzioni disponibili per il pagamento includono:

  • Pagamento su Conto Corrente italiano
  • Pagamento tramite bonifico domiciliato presso lo sportello postale
  • Pagamento su Carta Prepagata
  • Libretto bancario
  • Libretto postale
  • Pagamento su Conto Corrente Estero

È essenziale allegare i documenti comprovanti il pagamento delle rette durante la presentazione della domanda.

Documentazione da allegare alla domanda

È di fondamentale importanza prestare attenzione durante l’inserimento dei dati del soggetto, dell’asilo nido e delle mensilità di frequenza nella domanda per il bonus nido sul sito INPS.

Inizialmente, si richiede l’inserimento delle informazioni relative al bambino o alla bambina iscritto al nido. Questo implica indicare il codice fiscale del minore e successivamente passare alla schermata successiva concernente le informazioni della struttura prescelta.

Va sottolineato che la domanda per il contributo per il pagamento delle rette dell’asilo nido deve essere presentata dal genitore che sostiene l’onere della retta. La maggiorazione della retta, se applicabile, sarà presa in considerazione in base al valore dell’ISEE minorenni del genitore convivente con il bambino.

Per quanto riguarda i dati dell’asilo nido, sarà necessario indicare se si tratta di una struttura pubblica o privata autorizzata. In entrambi i casi, è essenziale fornire la denominazione e il codice fiscale, mentre per le strutture private autorizzate è richiesto l’inserimento del provvedimento di autorizzazione, numero, data e dell’Ente di adozione, informazioni generalmente reperibili sui portali online degli asili nido.

LEGGI ANCHE  Bonus Mamme 2024: esonero contributivo per madri lavoratrici da maggio

Una volta completata la compilazione delle informazioni relative all’asilo nido, occorrerà selezionare i mesi di frequenza. La sezione “Allegazione” consente di inserire i documenti che attestano il pagamento delle rette, sbloccando così l’erogazione effettiva del bonus da parte dell’INPS.

Nella sezione “Importo Autodichiarato“, si dovrà indicare il mese di competenza e successivamente inserire i dati del documento, che dovrà riportare gli estremi del richiedente. Nel caso di più documenti relativi a una mensilità, è necessario allegare un unico file contenente tutte le informazioni.

Se la documentazione di spesa riguarda più mesi, bisognerà allegarla per tutte le mensilità corrispondenti. Dopo la scelta del tipo di documento, sarà indispensabile inserire il numero, la data e allegare il file.

Infine, si ricorda che l’inserimento delle spese relative al 2023 può essere effettuato fino al mese di aprile 2024.

Bonus Asilo Nido 2023: scadenze importanti da ricordare

La scadenza per presentare la domanda per il bonus asilo nido 2023 è il 31 dicembre 2023. Successivamente, coloro che ottengono l’approvazione dovranno caricare le ricevute di pagamento delle rette dell’asilo entro il 31 luglio 2024 come prova dei pagamenti effettuati.

Per rimanere costantemente informato riguardo agli aiuti disponibili per lavoratori e imprese, ti consigliamo di visitare regolarmente la nostra pagina dedicata ai bonus. Nel contesto del Decreto Lavoro, approvato dal governo Meloni, il bonus famiglia per i figli a carico ha recentemente ricevuto importanti chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate. Per ottenere una panoramica dettagliata su questo incentivo, comprese le condizioni per accedervi e i beni e servizi coperti, ti invitiamo a leggere il nostro approfondimento dedicato.

Se desideri rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie legate al mondo del lavoro, non dimenticare di consultare la nostra sezione dedicata alle news. Siamo qui per tenerti informato e aiutarti a sfruttare al meglio le opportunità disponibili per te e la tua famiglia.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.