Bonus genitori separati 2024: guida alla richiesta

Scopri come ottenere fino a 9.600 euro con il bonus genitori separati 2024.

Il bonus genitori separati rappresenta un’importante misura di sostegno finanziario, destinata a fornire aiuto economico ai genitori che stanno vivendo la complessità di una separazione o di un divorzio. Con un fondo massimo di 9.600 euro, questa iniziativa mira ad alleggerire il peso economico su coloro che affrontano sfide nel mantenimento dei propri figli.

La procedura di richiesta, gestita dall’INPS, è stata semplificata per facilitarne l’accesso. Scopriamo insieme come i genitori separati possono beneficiare di questa opportunità.

Bonus fino a 9.600 euro per genitori separati: procedura di richiesta

A partire dal 12 febbraio fino al 31 marzo, i genitori separati, divorziati o non conviventi possono presentare richiesta all’INPS per ottenere un bonus massimo di 800 euro mensili per 12 mesi, con un fondo totale di 10 milioni di euro. Questo sostegno è rivolto a chi si trova in difficoltà economica.

Requisiti per l’accesso al bonus

Il bonus è destinato ai genitori che necessitano di supporto per il mantenimento dei propri figli minori, dei figli maggiorenni con gravi disabilità o conviventi, in particolare se non hanno ricevuto, in tutto o in parte, l’assegno di mantenimento a causa del mancato adempimento dell’altro genitore o partner, nel periodo dal 8 marzo 2020 al 31 marzo 2022.

In particolare, nel contesto dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19, il genitore deve aver dovuto interrompere, ridurre o sospendere la propria attività lavorativa a partire dall’8 marzo 2020 per almeno novanta giorni, o che abbia riscontrato una diminuzione del proprio reddito di almeno il 30% rispetto a quello del 2019.

LEGGI ANCHE  Bonus 460 euro con Isee sotto i 15 mila euro

Dunque, per essere ammissibili al bonus, il reddito del genitore richiedente, nell’anno in cui si è verificata l’assenza o la riduzione del mantenimento, non deve superare gli 8.174,00 euro.

Modalità di richiesta e importi

Le domande possono essere inviate in modo telematico attraverso il portale dell’INPS, nella sezione “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche“, cercando la voce relativa al contributo per genitori separati o divorziati. È necessario accedere tramite SPID o CIE e inserire le informazioni richieste, compresi i dettagli sull’altro genitore e sui figli conviventi nel periodo di emergenza COVID-19. Importante allegare documenti come la sentenza di separazione che comprova il diritto al mantenimento.

Dopo la chiusura del periodo di invio delle domande, il Dipartimento per le politiche della famiglia effettuerà i controlli necessari e autorizzerà l’INPS all’erogazione del bonus, che verrà versato in un’unica soluzione fino a un massimo di 800 euro al mese per dodici mesi, per un totale di 9.600 euro, tenendo conto del limite del fondo disponibile di 10 milioni di euro. La selezione dei beneficiari seguirà criteri specifici, indipendentemente dall’ordine di presentazione delle domande.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore