Bonus infissi 2024: guida completa su come funziona e come risparmiare

Scopri tutto sul bonus infissi 2024: come funziona, le detrazioni fiscali disponibili, e i vantaggi dei nuovi infissi per il risparmio energetico. Leggi ora!

Con l’inizio del nuovo anno, molte persone si domandano cosa sia cambiato riguardo al bonus infissi. Per il 2024, è importante notare che è stata cancellata la possibilità di includere la sostituzione degli infissi negli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche con detrazione al 75%. Tuttavia, restano in vigore diverse opzioni vantaggiose per chi desidera effettuare interventi di riqualificazione energetica.

Il bonus del 65% è ancora disponibile per coloro che intraprendono interventi di riqualificazione globale che includono la sostituzione degli infissi. In alternativa, è possibile usufruire di una detrazione del 50% nel caso in cui si sostituiscano solo finestre e portafinestre.

Vantaggi dei nuovi infissi

Sostituire gli infissi con quelli di nuova generazione è consigliabile per diversi motivi. Innanzitutto, i modelli più recenti offrono un risparmio energetico significativo, che può arrivare fino al 30% sui costi della bolletta per la climatizzazione sia in inverno che in estate.

Un vantaggio dei nuovi infissi è la loro capacità di adattarsi alle esigenze specifiche di ogni stanza della casa. A seconda dell’orientamento, infatti, gli infissi possono essere progettati per assorbire il calore (nel caso degli orientamenti a Sud) o per isolare l’abitazione (nel caso degli orientamenti a Nord).

Detrazione fiscale al 65%

Per coloro che possiedono villette, è possibile ottenere una detrazione fiscale del 65% nell’ambito dell’ecobonus, purché si effettui una riqualificazione globale dell’immobile. È importante che un tecnico attesti i risultati di risparmio ottenuti, rispettando i requisiti minimi di trasmittanza termica previsti dalla normativa.

LEGGI ANCHE  Bonus trasporti per i dipendenti: criteri di esenzione IRPEF e welfare aziendale

Bonus Mobili

Se l’intervento riguarda esclusivamente la sostituzione degli infissi, è sufficiente la certificazione del produttore, senza bisogno di comunicare con l’Enea. Anche se la detrazione scende al 50%, è possibile abbinare questa misura al bonus mobili.

Installazione certificata

È fondamentale che l’installazione degli infissi sia eseguita da fornitori abilitati e che sia certificata. Questi fornitori saranno in grado di fornire tutta la documentazione tecnica necessaria sui livelli di risparmio energetico garantiti dagli infissi installati.

Regole per il decoro architettonico

Per coloro che abitano in edifici d’epoca o nel centro storico, è importante effettuare alcuni controlli preliminari. In queste situazioni, potrebbero essere in vigore regole specifiche per il rispetto del decoro architettonico dell’edificio.

Stili architettonici e colori

Fortunatamente, esistono infissi disponibili sul mercato che si adattano agli stili architettonici e ai colori delle facciate degli edifici, minimizzando così i contrasti visivi.

Detrazione al 50% tramite bonifico

Infine, per usufruire della detrazione al 50%, il pagamento dell’intervento di sostituzione degli infissi deve essere effettuato tramite bonifico bancario, seguendo le normative sulle ristrutturazioni edilizie vigenti.

Per scoprire ulteriori agevolazioni, visita la nostra pagina dedicata ai bonus famiglia.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.