Bonus Mobili 2024: guida completa, requisiti e spese detraibili

Scopri come funziona il Bonus Mobili 2024, i requisiti da soddisfare e le spese ammesse in detrazione. Leggi la guida completa per ottenere il rimborso del 50% sulla tua spesa per arredi ed elettrodomestici.

Il Bonus Mobili continua a essere un’agevolazione riconosciuta anche nel 2024, permettendo un rimborso del 50% sulla spesa sostenuta per arredi ed elettrodomestici. Ma come funziona esattamente questo beneficio fiscale? Quali sono i requisiti e le spese ammesse?

Come funziona il Bonus Mobili 2024 e quali sono le spese detraibili?

Il funzionamento del Bonus Mobili è semplice: coloro che effettuano lavori di ristrutturazione possono portare in detrazione le spese sostenute per gli acquisti di mobili e grandi elettrodomestici. Questo include una vasta gamma di prodotti, dalle sedie ai frigoriferi, dalle librerie ai forni. Le regole e i requisiti non hanno subito cambiamenti significativi rispetto agli anni precedenti.

Cambiamenti nel limite di spesa ammesso in detrazione

Tuttavia, a partire dal 1° gennaio 2024, c’è stato un cambiamento importante nel limite delle spese ammesse in detrazione, ridotto da 8.000 a 5.000 euro. Questo implica una restrizione nei confronti delle spese massime detraibili rispetto agli anni precedenti.

Regole e requisiti per l’accesso al bonus mobili ed elettrodomestici 2024

Per accedere al Bonus Mobili, è necessario soddisfare determinati requisiti. Tra questi, l’inizio dei lavori di ristrutturazione deve risalire almeno al 1° gennaio dell’anno precedente all’acquisto. Questo assicura che solo coloro che effettivamente eseguono lavori di miglioramento edilizio possano beneficiare del bonus.

Per quali spese spetta la detrazione del 50%?

Il bonus mobili è un beneficio riservato a coloro che intraprendono lavori di ristrutturazione edilizia. È pertanto importante comprendere quali tipologie di intervento permettono di accedere a questo bonus:

  • La manutenzione straordinaria, il restauro e il risanamento conservativo, nonché la ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti (ad esempio, interventi come la tinteggiatura di pareti e soffitti, la sostituzione di pavimenti e infissi esterni, e il rifacimento di intonaci interni non danno diritto al bonus).
  • La ricostruzione o il ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, purché sia stato dichiarato lo stato di emergenza.
  • Il restauro, il risanamento conservativo e la ristrutturazione edilizia riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che, entro 18 mesi dal termine dei lavori, vendono o assegnano l’immobile.
  • La manutenzione ordinaria, la manutenzione straordinaria, il restauro e il risanamento conservativo, nonché la ristrutturazione edilizia sulle parti comuni del condominio.
LEGGI ANCHE  Guida alla prevenzione delle truffe SMS legate all'Assegno Unico INPS

Per quanto riguarda gli appartamenti privati, il bonus non è previsto in caso di interventi di manutenzione ordinaria, come la tinteggiatura di pareti e soffitti, la sostituzione di pavimenti o di sanitari, o il rifacimento di intonaci interni.

Al contrario, per le parti comuni degli edifici condominiali, il bonus mobili è valido anche per lavori di manutenzione ordinaria, come la riparazione o la sostituzione di cancelli o portoni, o la riparazione delle grondaie.

Modalità di pagamento e documentazione necessaria

Per poter beneficiare del bonus mobili, è fondamentale che le spese sostenute vengano effettuate tramite mezzi di pagamento tracciabili, come bonifico, carta di debito o carta di credito. Al contrario, non sarà possibile usufruire della detrazione nel caso in cui il pagamento avvenga attraverso assegni o contanti.

Se il pagamento viene effettuato tramite bonifico bancario o postale, è necessario utilizzare un bonifico appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a., soggetto a ritenuta, destinato alle spese di ristrutturazione edilizia. È importante tenere presente che, a partire dal 1° marzo, la Legge di Bilancio 2024 ha previsto un aumento dal 8% all’11% della ritenuta applicata sui bonifici per accedere ai bonus edilizi.

Secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate, è possibile ottenere il bonus mobili anche nel caso di finanziamento a rate, a patto che la società finanziatrice effettui il pagamento secondo le stesse modalità previste per il beneficiario della detrazione. È inoltre necessario che il contribuente disponga di una copia della ricevuta di pagamento rilasciata dalla finanziaria.

Per quanto riguarda la documentazione da conservare per poter richiedere la detrazione fiscale, è importante avere a disposizione i seguenti documenti:

  • ricevuta del bonifico;
  • ricevuta di avvenuta transazione per i pagamenti con carta di credito o di debito;
  • documentazione di addebito sul conto corrente;
  • fatture di acquisto dei beni, contenenti informazioni dettagliate sulla natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi acquisiti.
LEGGI ANCHE  Detrazione asilo nido nel Modello 730/2024: come ottenerlo

Comunicazione ENEA e importanza della documentazione

Infine, è importante anche la comunicazione all’ENEA per poter beneficiare del bonus. Anche se la mancata trasmissione non implica la perdita del diritto alla detrazione, è comunque un passaggio essenziale per ottenere il rimborso.

In conclusione, il Bonus Mobili 2024 continua a essere un’opportunità preziosa per coloro che effettuano lavori di ristrutturazione edilizia, consentendo di alleggerire il carico finanziario legato agli acquisti di arredi ed elettrodomestici. Tuttavia, è importante essere al corrente delle regole e dei requisiti per poter beneficiare appieno di questa agevolazione fiscale.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore