Bonus psicologo: dal 18 marzo aperte le domande per il 2023

Una guida dettagliata per accedere al Bonus Psicologo: passo dopo passo per presentare la tua domanda, criteri di ammissibilità e previsioni per il futuro dell'assistenza psicologica.

Il tanto atteso bonus psicologo per l’annualità 2023 sarà finalmente disponibile per le richieste dei cittadini dal 18 marzo al 31 maggio 2024. Secondo le indicazioni fornite dall’INPS, le domande potranno essere presentate sia tramite servizio online che attraverso il Contact Center. Questo annuncio conferma l’impegno delle istituzioni nel garantire il supporto psicologico alla popolazione.

Il quadro dei fondi e le prospettive future

Nonostante un incremento dei fondi da 8 a 10 milioni di euro, il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi, David Lazzari, evidenzia che tali risorse risultano ancora inadeguate rispetto ai reali bisogni della popolazione. Tuttavia, questa aumento rappresenta comunque un segnale di attenzione importante verso le necessità psicologiche dei cittadini.

Come fare domanda e quali spese rientrano nel bonus

La richiesta del bonus psicologo per il 2023 può essere effettuata in modalità telematica attraverso il servizio “Contributo sessioni psicoterapia” disponibile sul portale web dell’INPS. È possibile accedere a questo servizio utilizzando diverse modalità, tra cui SPID di livello 2 o superiore, Carta di identità elettronica (CIE) 3.0 o Carta Nazionale dei Servizi (CNS), oltre che tramite il Contact Center Integrato. Le spese ammissibili per il contributo riguardano le sessioni di psicoterapia tenute da specialisti privati regolarmente iscritti nell’albo degli psicologi.

Requisiti e parametri del contributo

A partire dal 2023, il bonus viene erogato una sola volta all’anno a soggetti che soddisfano due requisiti fondamentali: la residenza in Italia e un valore ISEE non superiore a 50 mila euro. L’importo del contributo varia in base alla fascia di reddito, con un massimo di 1500 euro per coloro il cui reddito è inferiore a 15 mila euro, 1000 euro per redditi compresi tra 15 e 30 mila euro, e 500 euro per redditi compresi tra 30 e 50 mila euro.

LEGGI ANCHE  Superbonus: rischio maxi multe per mancata comunicazione antifrode

Il futuro dello psicologo di famiglia

David Lazzari sottolinea l’importanza di garantire un finanziamento adeguato per rendere effettiva e accessibile la figura dello psicologo di famiglia su tutto il territorio nazionale. Attualmente, esiste un testo unificato proposto dalla Commissione Affari sociali della Camera riguardante l’istituzione dello psicologo di famiglia, il cui voto è atteso al Senato. Nel frattempo, diverse regioni italiane hanno già avviato iniziative per fornire assistenza psicologica alle famiglie, dimostrando un impegno concreto verso questa importante figura professionale.

Per scoprire tutti i dettagli sui bonus disponibili per le famiglie italiane, visita la nostra pagina dedicata sul sito di Circuito Lavoro.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.