Fringe Benefit 2024: bonus fino a 2.000 € per i lavoratori dipendenti

Scopri come funzionano i fringe benefit 2024, chi ne ha diritto e come possono essere utilizzati per coprire spese domestiche come affitto, mutuo e bollette.

Dal 1° gennaio 2024, i lavoratori dipendenti in Italia possono beneficiare di un incremento significativo dei fringe benefit, ovvero compensazioni aggiuntive al salario sotto forma di beni e servizi non tassati. Questa iniziativa prevede un limite massimo di 1.000 € per i lavoratori senza figli e fino a 2.000 € per quelli con figli a carico. La nuova normativa intende offrire un sostegno concreto ai dipendenti, migliorando il loro benessere economico.

Differenza tra welfare aziendale e fringe benefit

È importante distinguere tra welfare aziendale e fringe benefit. Il welfare aziendale comprende un insieme di vantaggi offerti dal datore di lavoro, come polizze assicurative, piani pensionistici, o servizi di assistenza, che mirano a migliorare la qualità della vita dei dipendenti. Questo sistema contribuisce a creare un ambiente lavorativo positivo e può fungere da supporto al sistema di assistenza pubblica, spesso limitato nelle risorse.

I fringe benefit, invece, rappresentano una forma di retribuzione non monetaria, fornita sotto forma di beni e servizi come auto aziendali, buoni pasto, o bonus benzina. Questi benefici non possono essere convertiti in denaro e sono specificamente destinati a coprire spese personali e familiari dei dipendenti.

Chi ha diritto ai fringe benefit 2024?

I fringe benefit del 2024 sono destinati ai lavoratori dipendenti e a coloro che percepiscono redditi assimilati. Sono inclusi:

  • Lavoratori senza figli
  • Lavoratori con figli a carico, purché questi ultimi non superino un reddito di 4.000 € se hanno fino a 24 anni, o di 2.840,51 € se hanno più di 24 anni.
LEGGI ANCHE  Nuovo bonus trasporti per studenti con disabilità: le novità per il 2025

Cosa rientra nei fringe benefit?

I fringe benefit possono essere utilizzati per coprire diverse spese domestiche, tra cui:

  • Affitto
  • Mutuo
  • Bollette di luce, acqua e gas

Queste spese possono riguardare immobili posseduti o detenuti dal dipendente, dal coniuge o dai familiari, indipendentemente dalla residenza o dal domicilio nell’immobile. Sono inclusi anche i pagamenti di bollette intestate al condominio ma sostenute dal lavoratore o dai suoi familiari.

Come funzionano i fringe benefit?

Il datore di lavoro è responsabile della gestione e della documentazione dei fringe benefit. Deve conservare tutta la documentazione giustificativa relativa all’importo erogato. In alternativa, può richiedere al dipendente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, in cui il lavoratore attesta di essere in possesso delle ricevute di pagamento delle utenze domestiche. La dichiarazione deve includere dettagli come il numero e l’intestatario della fattura, la tipologia di utenza, l’importo pagato, la data e le modalità di pagamento.

Per evitare il doppio utilizzo del bonus, il datore di lavoro deve compilare una dichiarazione sostitutiva attestando che il rimborso non sia già stato richiesto, totalmente o parzialmente, presso lo stesso o altri datori di lavoro.

Cos’è l’atto di notorietà?

L’atto di notorietà è un documento ufficiale che serve per attestare eventi, fatti o accadimenti in modo legale. Questo strumento è fondamentale per garantire la trasparenza e la correttezza nell’utilizzo dei fringe benefit, certificando che le spese dichiarate siano effettivamente sostenute dal lavoratore e non già rimborsate.

In conclusione, i fringe benefit 2024 rappresentano un’importante opportunità per i lavoratori dipendenti italiani, fornendo un sostegno economico aggiuntivo attraverso la copertura di spese domestiche essenziali. Questo sistema non solo migliora il benessere dei dipendenti, ma contribuisce anche a una gestione più efficiente e trasparente delle risorse aziendali.

LEGGI ANCHE  Esonero tasse universitarie 2024: cosa devi sapere
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore