Bonus sponsorizzazioni sportive 2024: come ottenere il credito d’imposta

Scopri come lavoratori autonomi, imprese ed enti non commerciali possono ottenere il credito d'imposta del 50% per le sponsorizzazioni sportive.

Il bonus sponsorizzazioni sportive emerge come una splendida opportunità per lavoratori autonomi, imprese e enti non commerciali che hanno investito in campagne pubblicitarie nel primo trimestre del 2023. La corsa per beneficiare di un consistente credito d’imposta del 50% è già iniziata, con la scadenza fissata alle ore 23.59 dell’10 agosto. Questa data rappresenta il limite ultimo per sfruttare questo incentivo finanziario e supportare la propria visibilità attraverso le attività sportive.

Dettagli e requisiti per la domanda

Il decreto inizialmente lanciato nel Decreto Agosto 2020 e successivamente aggiornato, segna l’esordio di questa iniziativa. Concepite per promuovere le sponsorizzazioni sportive, le nuove direttive estendono il beneficio ai primi tre mesi del 2023, inaugurando un cospicuo credito d’imposta fino a un tetto massimo di 10.000 euro. Chi intende partecipare deve soddisfare i seguenti criteri:

  • Essere lavoratori autonomi, imprese o enti non commerciali.
  • Avere effettuato investimenti in campagne pubblicitarie rivolte a leghe, società sportive professionistiche o associazioni sportive dilettantistiche (ASD/SSD) registrate ufficialmente.
  • L’investimento minimo deve ammontare a 10.000 euro.

Le domande devono essere inoltrate tramite una piattaforma online gestita dal Dipartimento per lo Sport, erogatrice ufficiale dell’incentivo. Qui è possibile accedere alla piattaforma e inviare la propria domanda.

Com’è strutturata la procedura

I fondi messi a disposizione per il sostegno delle sponsorizzazioni sportive ammontano a 35 milioni di euro, una cifra che verrà ripartita in caso di esaurimento risorse secondo proporzioni predefinite, secondo il credito di imposta calcolato. È essenziale marcare nel calendario la data del 10 agosto come ultimo giorno per l’invio delle domande. Oltrepassata questa data, le richieste saranno ignorate e gli interessati perderanno l’occasione di accedere al bonus.

LEGGI ANCHE  Come scegliere l'assicurazione casa: guida completa su garanzie, premi e polizze

La pratica di richiesta, come chiarito dal Dipartimento, non tiene conto dell’ordine di presentazione. Dunque, l’assegnazione dei fondi seguirà una selezione che non predilige gli invii antecedenti la scadenza. Inoltre, il bonus ottenuto può essere compensato attraverso il modello F24 da presentare agli uffici della Agenzia delle Entrate.

Strategie e benefici futuri

L’incoraggiamento a promuovere le attività sportive attraverso le sponsorizzazioni rappresenta un notevole vantaggio sia per il settore dell’industria sportiva che per le aziende che desiderano ampliare la propria visibilità. Una volta ottenuto, il credito d’imposta contribuisce significativamente a alleggerire i costi pubblicitari delle imprese, incentivando ulteriori iniziative nel sostegno dello sport.

Per maggiori dettagli ufficiali e approfondimenti, si rimanda alla documentazione disponibile sul sito del Dipartimento per lo Sport e alle normative citate nei decreti che regolamentano questo specifico bonus, che possono essere consultate tramite i link forniti all’interno dell’articolo.

Con l’imminente scadenza, è imperativo non procrastinare e assicurarsi di aderire a questa opportunità finanziaria, contribuendo contemporaneamente alla promozione dello sport e dell’attività fisica nel panorama nazionale.

Per ulteriori informazioni e per rimanere aggiornati sulle ultime novità, visita la sezione dedicata a bonus e incentivi sul nostro sito.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore