Bonus Zes Unica 2024: guida al credito d’imposta per il Sud

Scopri come le imprese del Mezzogiorno possono accedere al credito d'imposta 2024 per investimenti in beni strumentali nelle Zone Economiche Speciali (Zes).

Le imprese situate nelle zone del Mezzogiorno, incluso Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Abruzzo, hanno ora l’opportunità di beneficiare del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali. Questo incentivo è valido per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 15 novembre 2024, fino a un tetto massimo di 100 milioni di euro.

Tuttavia, alcune categorie sono escluse dalla possibilità di accedere a questo bonus, come le aziende dei settori siderurgico, carbonifero, dei trasporti, quelle in liquidazione o scioglimento, e quelle operanti nel settore primario della produzione agricola, della pesca e dell’acquacoltura.

Procedura di domanda e tempistiche

Le imprese interessate a richiedere il credito d’imposta devono fare attenzione alle scadenze e seguire la procedura delineata dall’Agenzia delle Entrate, con la finestra di richiesta che chiuderà il 12 luglio 2024.

Modalità di funzionamento del Credito

Il meccanismo di calcolo del credito varia in base agli investimenti effettuali, sempre nel rispetto del limite massimo prestabilito. È essenziale una comunicazione chiara e puntuale con l’Agenzia delle Entrate per garantire la corretta applicazione del bonus.

Il significato di Zes e i beneficiari

Le Zone Economiche Speciali (Zes) rappresentano aree del territorio nazionale destinate a stimolare l’attività economica attraverso agevolazioni fiscali e procedurali. Possono accedervi quelle imprese che effettuano investimenti migliorativi nelle regioni indicate, rispettando determinati criteri e impegnandosi a mantenere la loro attività nell’area per almeno 5 anni.

Criteri di esclusione

Come precedentemente menzionato, esistono specifici settori e condizioni che determinano l’ineleggibilità al bonus, inclusi i soggetti attivi in ambiti come siderurgia, trasporti e agricoltura primaria.

LEGGI ANCHE  DL Agricoltura 2024: nuove agevolazioni su mutui e garanzie

Impegno nella durata: 5 anni nel territorio

Per assicurare un impatto duraturo sull’economia locale, le imprese beneficiano del credito d’imposta solo se si impegnano a non trasferire la loro attività fuori dall’area Zes per almeno cinque anni.

Ulteriori risorse e letture

Per ulteriori informazioni e per rimanere aggiornati sulle ultime novità, visita la sezione dedicata a bonus e incentivi sul nostro sito.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore