Bonus Trasporti gennaio 2024: tutto ciò che devi sapere

In questo articolo forniremo tutte le informazioni necessarie sul Bonus Trasporti Gennaio 2024, illustrando il suo funzionamento e i requisiti

In questo articolo forniremo tutte le informazioni necessarie sul Bonus Trasporti Gennaio 2024, illustrando il suo funzionamento e i requisiti. Scopriamo di più su chi può ottenerlo e quale procedura deve seguire.

Cos’è il bonus trasporti pubblici 2024

Il bonus trasporti pubblici è un contributo erogato a tutti coloro che sottoscrivono abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico e di trasporto ferroviario nazionale che hanno dichiarato nel 2023 un reddito personale ai fini IRPEF al di sotto di 20.000 euro.

Il buono è pari o inferiore al 100% della spesa da sostenere. Ciascun beneficiario può chiedere un solo bonus trasporti al mese nel limite dei 60 euro previsti e fino a esaurimento risorse.

Come si legge tra le novità della Legge di Bilancio 2024, il bonus è stato prorogato senza modifiche anche nel prossimo anno.

Requisiti per ottenere il bonus a gennaio 2024

Il bonus trasporti 2024 spetta alle persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:

  • nell’anno 2023, hanno dichiarato un reddito personale ai fini IRPEF entro i 20.000 euro. Dunque non si valuterà l’ISEE, ma il reddito;
  • hanno già attivi o sottoscriveranno abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, ovvero per i servizi di trasporto ferroviario nazionale.

In sostanza, il bonus per abbonamenti ai trasporti pubblici, nel rispetto delle condizioni appena citate, è rivolto a studenti, lavoratori, pensionati, e in generale a tutti i cittadini che usufruiscono di tali servizi, nel rispetto dei requisiti reddituali.

LEGGI ANCHE  Legge 104, diritti disabili e familiari: novità, agevolazioni e tutele 2024

Abbonamenti ammessi a gennaio

Il bonus anche nel 2024 sarà – con ogni probabilità – nominativo e utilizzabile per l’acquisto di un solo abbonamento annuale oppure mensile o relativo a più mensilità per:

  • servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale;
  • servizi di trasporto ferroviario nazionale.

Si precisa che la limitazione ad un solo voucher per abbonamento vuol dire che lo sconto di massimo 60 euro potrà essere applicato sia ad un abbonamento mensile che ad un abbonamento annuale.

Durata del bonus trasporti

Il periodo di validità del buono 2024 sarà limitato al mese solare di emissione, anche se si effettua l’acquisto di un abbonamento annuale o mensile che parte dal mese successivo. Ciascun beneficiario cioè, potrà chiedere un bonus trasporto al mese.

Gli interessati potranno acquistare un abbonamento annuale con uno sconto di 60 euro o possono usare i soldi ogni mese del 2024, per comprare un abbonamento mensile. In altre parole, l’emissione del buono, anche in caso di mancato utilizzo nei termini, non darà ulteriore possibilità al beneficiario di presentare una nuova istanza nello stesso mese.

Ad esempio, se il cittadino comprerà un bonus il 2 gennaio 2024 avrà tempo di utilizzarlo fino al 31 gennaio 2024, e ne potrà richiedere uno nuovo solo dal 1° febbraio 2024.

Come richiedere il bonus trasporti gennaio 2024

Per richiedere il bonus trasporti nel 2024 bisognerà presentare domanda online tramite la piattaforma presente in questo portale istituito dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali appena la procedura sarà attivata.

L’interessato per ottenere il voucher:

  • potrà presentare istanza, a titolo personale o per conto di un minore, effettuando l’accesso e la registrazione sul Portale tramite SPID di livello 2 o carta d’identità elettronica (CIE);
  • all’atto della registrazione, dovrà fornire le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione con le informazioni relative al bonus trasporto, seguendo la procedura guidata che sarà aggiornata al 2024.
LEGGI ANCHE  Bonus agrivoltaico: domande aperte dal 4 Giugno 2024

La domanda dovrà anche contenere l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista, non superiore in ogni caso a 60 euro per ciascun beneficiario. Una volta effettuata la richiesta, poi, il sistema prenderà un po’ di tempo per accoglierla o meno.

Dopo che sarà accolta dalla piattaforma, sarà possibile scaricare un QR code da presentare alla biglietteria al momento dell’acquisto o da caricare nella piattaforma in caso di acquisto online.

Iter normativo del bonus

Introdotto dal Decreto Aiuti 2022, come altri bonus, il bonus trasporto pubblico:

  • è stato rifinanziato dal Decreto Aiuti Bis, dal Decreto Aiuti Ter convertito in Legge e dal Decreto Energia 2023;
  • per il 2023 la misura è stata rinnovata dal Decreto trasparenza prezzi carburante – Decreto 14 gennaio 2023, n. 5 – con uno stanziamento di 100 milioni di euro, riconosciuta solo a chi aveva dichiarato nel 2022 un reddito uguale o inferiore a 20.000 euro. Il Decreto attuativo è stato firmato il 27 marzo 2023. Nella sua prima edizione nel 2022 veniva destinato a coloro che avevano dichiarato l’anno prima un reddito al di sotto dei 35.000 euro;
  • il Decreto lavoro convertito in Legge ha previsto nuovi fondi per il bonus trasporti 2023 relativamente alle richieste di rimborso pervenute al Ministero del lavoro e delle politiche sociali oltre la data del 31 dicembre 2022 ed entro il 28 febbraio 2023. La norma ha stabilito i limiti dell’importo a 2.730.660,28 euro;
  • è stato riconfermato per la fine del 2023 e l’inizio del 2024 con 35 milioni di euro grazie al Decreto Anticipi (ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2023, n. 145 pubblicato sulla GU Serie Generale n.244 del 18-10-2023).
LEGGI ANCHE  Bonus mutuo prima casa: fino a 600 euro

Conclusioni

A seguito del rifinanziamento contenuto nel Decreto 145 2023 lo sportello per le richieste del Bonus trasporti era stato riaperto il 1 novembre 2023 e le risorse sono state esaurite in poche ore.

Il Ministero dei Trasporti  comunica comunque che si potrà ritentare l’invio delle domande quando saranno messi a disposizione i fondi non utilizzati. Conviene quindi restare sempre aggiornati per non perdere questa nuova opportunità per il 2024.

Visitate la sezione Bonus Trasporti su CircuitoLavoro per rimanere aggiornati.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Ortensia Ferrara
Ortensia Ferrara
Classe ’83, giornalista pubblicista dal 2007, laureata in scienze della comunicazione dal marzo 2008, appassionata di scrittura creativa, giornalismo e comunicazione da sempre. Pignola, puntuale, permalosa e inguaribilmente pessimista, curiosa, noiosa e ironica.