Decreto Sud: approvato provvedimento per 2.220 assunzioni nel mezzogiorno

Il Governo introduce misure per il rilancio economico del Sud Italia con il nuovo Decreto Sud.

In un importante passo verso la crescita economica e il consolidamento delle regioni meridionali italiane, il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il Decreto SUD, che apporterà significative novità in termini di assunzioni nel Mezzogiorno.

Il Decreto Sud: una mossa strategica per il sud Italia

Il Decreto Sud, approvato il 7 settembre 2023, è stato creato con l’obiettivo di promuovere la crescita economica e il rafforzamento amministrativo delle regioni meridionali d’Italia. Questo provvedimento autorizza l’assunzione di ben 2.200 risorse presso gli enti territoriali e il Dipartimento per le politiche di coesione.

L’iniziativa mira a potenziare le capacità amministrative di sette regioni del Mezzogiorno, tra cui Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, così come delle province, delle unioni dei comuni e dei comuni stessi, appartenenti a queste regioni. Inoltre, coinvolge le funzioni di coordinamento nazionale del Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Va notato che il testo definitivo del Decreto è in attesa di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma le sue prospettive sono promettenti per il Mezzogiorno.

Le figure da assumere e le condizioni contrattuali

Il Decreto Sud autorizza le amministrazioni coinvolte ad assumere personale non dirigenziale con contratto a tempo indeterminato. Questo personale sarà inquadrato nel livello iniziale dell’area dei funzionari prevista dal CCNL Comparto Funzioni Locali 2019-2021 o nella categoria A del Contratto collettivo nazionale di lavoro della Presidenza del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE  Cherry Bank: cerca operatori di sportello anche senza sportello

Dei 2.200 posti di lavoro autorizzati, 71 saranno destinati al Dipartimento per le politiche di coesione.

Data di entrata in vigore

Le nuove assunzioni nel settore pubblico meridionale e presso il Dipartimento per le politiche di coesione avranno effetto a partire dal 1° gennaio 2024. Questa data segna l’inizio di un’importante fase di sviluppo per il Mezzogiorno.

Modalità di reclutamento

Il reclutamento delle nuove risorse sarà effettuato attraverso uno o più concorsi per esami, coordinati dal Dipartimento per la funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, con il supporto della Commissione per l’attuazione del Progetto di Riqualificazione delle Pubbliche Amministrazioni (RIPAM).

È probabile che questi nuovi concorsi pubblici seguiranno il regolamento previsto dalla riforma dei concorsi pubblici, garantendo un processo di selezione trasparente ed equo.

Dove trovare i Bandi

I bandi di concorso per le assunzioni nella Pubblica Amministrazione del Sud saranno pubblicati sui siti web degli Enti Pubblici che indicono i concorsi. Inoltre, saranno accessibili sulla piattaforma inPA, il nuovo portale dedicato al reclutamento nella Pubblica Amministrazione.

Altre opportunità di lavoro

Queste misure non solo rappresentano un passo importante verso la coesione economica e lo sviluppo delle regioni meridionali, ma si uniscono ad altre opportunità in arrivo. Ad esempio, il Gruppo Webuild si prepara a realizzare nuove tratte ferroviarie per l’Alta Velocità nel Sud Italia, generando ben 3.500 nuovi posti di lavoro diretti e indiretti.

Questi cambiamenti segnano un futuro radioso per il Mezzogiorno, offrendo nuove e ampie opportunità di impiego per i cittadini locali e contribuendo al rafforzamento del tessuto amministrativo e infrastrutturale della regione. L’attuazione del Decreto Sud e progetti come quelli di Webuild promettono un impatto positivo a lungo termine sull’intera area. Per ulteriori dettagli, visita la nostra pagina dedicata agli annunci di lavoro.

LEGGI ANCHE  B&B Hotels annuncia nuove assunzioni e l'apertura di 70 alberghi in Italia
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Banner newsletter_ (900 × 600 px)

Autore

Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.

In un importante passo verso la crescita economica e il consolidamento delle regioni meridionali italiane, il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il Decreto SUD, che apporterà significative novità in termini di assunzioni nel Mezzogiorno.

Il Decreto Sud: una mossa strategica per il sud Italia

Il Decreto Sud, approvato il 7 settembre 2023, è stato creato con l'obiettivo di promuovere la crescita economica e il rafforzamento amministrativo delle regioni meridionali d'Italia. Questo provvedimento autorizza l'assunzione di ben 2.200 risorse presso gli enti territoriali e il Dipartimento per le politiche di coesione.

L'iniziativa mira a potenziare le capacità amministrative di sette regioni del Mezzogiorno, tra cui Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, così come delle province, delle unioni dei comuni e dei comuni stessi, appartenenti a queste regioni. Inoltre, coinvolge le funzioni di coordinamento nazionale del Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Va notato che il testo definitivo del Decreto è in attesa di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma le sue prospettive sono promettenti per il Mezzogiorno.

Le figure da assumere e le condizioni contrattuali

Il Decreto Sud autorizza le amministrazioni coinvolte ad assumere personale non dirigenziale con contratto a tempo indeterminato. Questo personale sarà inquadrato nel livello iniziale dell'area dei funzionari prevista dal CCNL Comparto Funzioni Locali 2019-2021 o nella categoria A del Contratto collettivo nazionale di lavoro della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Dei 2.200 posti di lavoro autorizzati, 71 saranno destinati al Dipartimento per le politiche di coesione.

Data di entrata in vigore

Le nuove assunzioni nel settore pubblico meridionale e presso il Dipartimento per le politiche di coesione avranno effetto a partire dal 1° gennaio 2024. Questa data segna l'inizio di un'importante fase di sviluppo per il Mezzogiorno.

Modalità di reclutamento

Il reclutamento delle nuove risorse sarà effettuato attraverso uno o più concorsi per esami, coordinati dal Dipartimento per la funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, con il supporto della Commissione per l'attuazione del Progetto di Riqualificazione delle Pubbliche Amministrazioni (RIPAM).

È probabile che questi nuovi concorsi pubblici seguiranno il regolamento previsto dalla riforma dei concorsi pubblici, garantendo un processo di selezione trasparente ed equo.

Dove trovare i Bandi

I bandi di concorso per le assunzioni nella Pubblica Amministrazione del Sud saranno pubblicati sui siti web degli Enti Pubblici che indicono i concorsi. Inoltre, saranno accessibili sulla piattaforma inPA, il nuovo portale dedicato al reclutamento nella Pubblica Amministrazione.

Altre opportunità di lavoro

Queste misure non solo rappresentano un passo importante verso la coesione economica e lo sviluppo delle regioni meridionali, ma si uniscono ad altre opportunità in arrivo. Ad esempio, il Gruppo Webuild si prepara a realizzare nuove tratte ferroviarie per l'Alta Velocità nel Sud Italia, generando ben 3.500 nuovi posti di lavoro diretti e indiretti.

Questi cambiamenti segnano un futuro radioso per il Mezzogiorno, offrendo nuove e ampie opportunità di impiego per i cittadini locali e contribuendo al rafforzamento del tessuto amministrativo e infrastrutturale della regione. L'attuazione del Decreto Sud e progetti come quelli di Webuild promettono un impatto positivo a lungo termine sull'intera area. Per ulteriori dettagli, visita la nostra pagina dedicata agli annunci di lavoro.