Città Metropolitana di Catania: 59 posti per vari profili e categorie professionali.

I candidati in possesso dei requisiti potranno inoltrare le domande entro il 28 febbraio 2023.

La città metropolitana di Catania ha indetto un concorso, per titoli ed esami, per complessivi 59 posti per vari profili e categorie professionali.

Concorsi pubblici, per titoli ed esami, per complessivi 59 posti per vari profili e categorie professionali I posti sono suddivisi nel seguente modo:

Posti di categoria D (laureati):

  • Istruttore direttivo amministrativo: 4 posti
  • Istruttore direttivo contabile: 4 posti
  • Istruttore direttivo tecnico: 10 posti
  • Istruttore direttivo tecnico ambientale: 1 posto
  • Istruttore direttivo informatica: 1 posto
  • Istruttore direttivo avvocato: 1 posto

Posti categoria C (diplomati):

  • Istruttore contabile: 6 posti
  • Istruttore amministrativo: 13 posti
  • Istruttore tecnico: 14 posti
  • Istruttore informatico: 2 posti

Posti di categoria B (diplomati):

  • Operatore amministrativo: 3 posti.

Requisiti generali per accedere ai concorsi

I candidati alla selezione dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti generali:

  • cittadinanza italiana ovvero cittadinanza in uno dei paesi dell’Unione Europea. Sono equiparati ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica;
  • età non inferiore ai 18 anni;
  • idoneità psico-fisica all’impiego specifico, che verrà accertata direttamente dall’Amministrazione per i vincitori del concorso;
  • non avere riportato condanne penali e non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, dalla nomina agli impieghi presso gli Enti Locali;
  • non essere esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale ai sensi dell’art. 127, 1° comma, lettera d), del T.U. delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con D.p.r. 10.01.1957, n.3;
  • avere una posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva;
  • conoscenza di una lingua straniera comunitaria;
  • conoscenza delle più frequenti applicazioni informatiche.
LEGGI ANCHE  Concorso INDIRE 2024: posti per funzionari

Requisiti specifici

In base ai profili selezionati, i candidati dovranno essere in possesso differenti titoli di studio:

  • laurea (categoria d);
  • diploma di scuola secondaria di secondo grado di durata quinquennale (categoria b e C).

I dettagli circa i titoli di studio sono specificati nei singoli bandi in base al ruolo.

Come partecipare al concorso

La domanda va spedita alla casella di posta elettronica certificata (PEC: protocollo@pec.cittametropolitana.ct.it) tramite propria casella di posta elettronica certificata; trasmessa a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Città metropolitana di Catania, Centro Direzionale Nuovaluce, Via Nuovaluce 67/a 95030 Tremestieri Etneo (Ct); presentata direttamente all’Ufficio Protocollo di questo Ente, sito in Via Nuovaluce 67/a 95030 Tremestieri Etneo (Ct), entro il perentorio termine di 30 giorni decorrenti dal giorno successivo alla pubblicazione del presente bando sulla GURS-Concorsi. A tal fine farà fede la data apposta sul timbro di entrata.

Come compilare la domanda di partecipazione

Gli aspiranti al concorso devono presentare specifica domanda di partecipazione redatta in carta semplice, entro 28 febbraio 2023, a pena di esclusione. Nella domanda di partecipazione al concorso il candidato deve dichiarare, sotto la propria responsabilità:

  • cognome, nome, luogo di nascita, stato civile, residenza ed eventuale recapito, pec personale obbligatoria per comunicazioni riguardanti il concorso, codice fiscale;
  • il possesso della cittadinanza italiana ovvero cittadinanza in uno dei paesi membri dell’Unione Europea;
  • il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o cancellazione dalle stesse;
  • le eventuali condanne penali riportate e gli eventuali procedimenti penali in corso. In caso negativo dovrà essere dichiarata l’inesistenza di condanne e procedimenti penali in corso;
  • la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
  • di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d), del T.U. delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con D.P.R. 10.01.1957, n. 3;
  • il possesso di uno dei titoli di studio richiesti, ed il voto riportato;
  • di possedere idoneità fisica al servizio;
  • di conoscere una lingua straniera comunitaria;
  • disabili, l’eventuale ausilio necessario per l’espletamento delle prove e/o l’eventuale necessità di se tempi aggiuntivi in relazione al proprio handicap , ai sensi dell’art.20 della Legge n.104/1992;
  • di essere in possesso di eventuali titoli di preferenza tra quelli indicati nell’allegato B al presente bando;
  • di dare il consenso al trattamento dei dati personali per gli adempimenti della procedura concorsuale, ai sensi del del Regolamento UE 2016/679 (GDPR);
  • (Per soli cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione Europea):
  • di godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza;
  • di avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
LEGGI ANCHE  Concorso Emilia Romagna Vigili del Fuoco 2024: il bando

Documenti da allegare alla domanda

I candidati dovranno allegare i seguenti documenti:

  • ricevuta comprovante l’avvenuto versamento della tassa di concorso di € 10, mediante procedura PagoPa presente sul portale www.cittametropolitana.ct.it;
  • copia di un documento di identità in corso di validità;
  • il curriculum formativo e professionale, datato e firmato;
  • i titoli che attribuiscono punteggio e relativo elenco. I titoli devono essere prodotti in originale o in copia legale e autenticata ai sensi di legge. È ammessa la presentazione della dichiarazione temporaneamente sostitutiva della documentazione in parola.
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore