Concorsi Ministero della Cultura 2023: in arrivo 3mila assunzioni

Ecco alcune informazioni utili in vista dell'uscita dei bandi

Concorsi Ministero della Cultura 2023: in arrivo 3mila assunzioni e ottime possibilità di trovare occupazione dunque per chi ne è alla ricerca. E’ il piano dei fabbisogni del personale MIC per il triennio 2022-2024 a annunciare nuovi posto di lavoro molti dei quali saranno assegnati tramite regolari concorsi pubblici. Di seguito ecco alcune importanti informazioni da sapere.

Posti da assegnare

Tra le varie offerte di lavoro garantite dalle varie selezioni al Concorsi Ministero della Cultura 2023 ci saranno le seguenti:

  • concorso Ministero Cultura per 200 assistenti di area II, F2 – bando per diplomati
  • concorso Ministero Cultura per 100 funzionari di area III, F1 (assistenti tecnici e funzionari scientifici) – bando per laureati
  • concorso Ministero Cultura per 100 unità da inquadrare nell’area delle elevate professionalità – bando per laureati

Requisiti

I requisiti generali per prendere parte ai concorsi Ministero della Cultura 2023 sono quelli comuni ad ogni selezione: cittadinanza italiana, età non inferiore agli anni 18, idoneità fisica all’impiego, godimento dei diritti politici, assenza di condanne penali. Ci sono poi alcuni requisiti specifici legati al titolo di studio che saranno specificati di volta in volta sui vari bandi.

Dove consultare i bandi

Ma dove consultare i bandi delle varie selezioni una volta usciti? Gli interessati dovranno visitare il portale web del Ministero della Cultura, nella sezione dedicata ai concorsi. I bandi saranno poi pubblicati anche sulla piattaforma inPA.

LEGGI ANCHE  Graduatorie GPS 2024: ecco la pagina informativa del MIM
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -

Annunci di lavoro

Banner newsletter_ (900 × 600 px)
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.