Bonus Mamme Disoccupate 2023: Tutto ciò che Devi Sapere

Il bonus mamme disoccupate rappresenta un importante sostegno economico per le mamme che si trovano in una situazione di disoccupazione o inattività lavorativa.

Il Bonus Mamme Disoccupate rappresenta un importante sostegno economico per le mamme che si trovano in una situazione di disoccupazione o inattività lavorativa. Scopriamo insieme a chi spetta e come richiederlo.

Cos’è il Bonus Mamme Disoccupate

L’Assegno di maternità dei Comuni, noto anche come “Bonus Mamme Disoccupate“, rappresenta un importante sostegno erogato nel corso del 2023 attraverso gli enti locali. Questo beneficio finanziario è concepito per offrire un aiuto alle famiglie in cui le madri si trovino in una situazione di disoccupazione. 

Requisiti per accedere al bonus

L’Assegno di Maternità dei Comuni è destinato alle mamme disoccupate o inoccupate, con un ISEE per l’anno corrente che non superi i 19.185,13 .

Questo sostegno è destinato, nello specifico, alle madri residenti, cittadine italiane o comunitarie o in possesso di carta di soggiorno. Tuttavia, può essere richiesto anche dai padri nel caso di decesso o abbandono da parte della genitrice.

Possono accedere all’Assegno di Maternità dei Comuni solo coloro che non percepiscono nessuna altra forma di previdenza, come assicurazioni a seguito di situazioni di disoccupazione, malattia o pensione. È fondamentale, inoltre, che la richiedente non stia già beneficiando di altri assegni di maternità erogati dall’INPS, come stabilito dalla legge 488 del 23 dicembre 1999. Non è infatti possibile cumulare questa prestazione con altri trattamenti previdenziali per accedere al bonus mamme disoccupate.

LEGGI ANCHE  Bonus ristrutturazioni 2024: detrazione 50% anche per i non proprietari, ecco le regole

Procedura di presentazione della domanda

La domanda va presentata al comune di residenza al quale compete la verifica della sussistenza dei requisiti di legge per la concessione della prestazione (articoli 17 e seguenti del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 21 dicembre 2000), entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall’effettivo ingresso in famiglia del minore adottato o in affido preadottivo.

Importo del Bonus Mamme Disoccupate per il 2023

Tutte le informazioni sono riportate nella circolare INPS n. 26 dell’8 marzo 2023 che specifica “l’importo e il limite di reddito per l’anno 2023 relativi all’assegno di maternità concesso dai Comuni, aggiornati in base alla variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati“. 

L’importo dell’assegno di maternità dei Comuni viene erogato per una somma di 383,46 € al mese per 5 mensilità per un totale di 1.917,30 €. Questa cifra già contempla l’adeguamento dell’8,1% per tener conto dell’inflazione.

Come richiedere il bonus

La domanda va presentata al comune di residenza al quale compete la verifica della sussistenza dei requisiti di legge per la concessione della prestazione (articoli 17 e seguenti del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 21 dicembre 2000), entro sei mesi dalla nascita del bambino o dall’effettivo ingresso in famiglia del minore adottato o in affido preadottivo.

L’assegno non è cumulabile con altri trattamenti previdenziali, tranne se si ha diritto a percepire dal comune la quota differenziale.

L’importo dell’assegno è rivalutato ogni anno per le famiglie di operai e impiegati sulla base della variazione dell’indice dei prezzi al consumo ISTAT. L’Istituto pubblica ogni anno l’importo nella circolare sui salari medi convenzionali.

LEGGI ANCHE  Guida alla prevenzione delle truffe SMS legate all'Assegno Unico INPS

Documentazione necessaria per la presentazione della domanda

Ecco tutti i documenti che devono essere allegati alla domanda:

  • certificato di nascita del Comune di residenza del bambino;
  • modello ISEE in corso di validità con Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), attestazione ISEE e prospetto di calcolo della maternità;
  • dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID) che evidenzia la situazione di disoccupata o inoccupata della mamma;
  • documento di identità della madre richiedente in corso di validità e permesso di soggiornato CE di lungo periodo se è cittadina extracomunitaria;
  • attestazione della banca o di Poste Italiane con l’indicazione del codice IBAN del conto corrente o della carta su cui accreditare l’importo del Bonus Mamme Disoccupate.

È importante tenere presente che potrebbe essere necessario fornire ulteriori documenti alla domanda, a seconda delle richieste del Comune competente. Infine, la somma del bonus sarà erogata una volta che i Comuni avranno completato le necessarie verifiche.

Vantaggi e opportunità legati al bonus

Il Bonus Mamme Disoccupate 2023 offre una serie di vantaggi alle madri che non lavorano o che si trovano senza lavoro, tra cui:

  • un sostegno economico per far fronte alle spese legate alla maternità, come l’acquisto di beni per il neonato, le visite mediche e le spese di asi nido
  • la possibilità di dedicarsi completamente alla cura del figlio nei primi mesi di vita, senza doversi preoccupare di dover tornare al lavoro subito dopo il parto
  • la possibilità di mantenere la propria autonomia economica anche durante il periodo di disoccupazione

Il Bonus Mamme Disoccupate 2023 può anche essere visto come un’opportunità per le madri di riqualificarsi professionalmente e di inserirsi nel mondo del lavoro. Grazie al contributo economico offerto dal bonus, le madri possono infatti frequentare corsi di formazione o avviare una propria attività imprenditoriale.

LEGGI ANCHE  Bonus Moto e Scooter 2024: guida completa, requisiti e come richiederlo

Aggiornamenti e novità in materia

Non ci sono aggiornamenti o novità significativi sul Bonus Mamme Disoccupate 2023 rispetto a quanto già stabilito dalla Legge di Bilancio 2023.

Scopri tutti i bonus per la famiglia sul nostro sito

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Ortensia Ferrara
Ortensia Ferrara
Classe ’83, giornalista pubblicista dal 2007, laureata in scienze della comunicazione dal marzo 2008, appassionata di scrittura creativa, giornalismo e comunicazione da sempre. Pignola, puntuale, permalosa e inguaribilmente pessimista, curiosa, noiosa e ironica.