Poste Italiane: eliminato il requisito del voto minimo per Postini nel 2024

Le nuove regole aprono opportunità a tutti i diplomati e laureati. Candidati ora!

A partire dal 2024, Poste Italiane ha annunciato l’eliminazione del requisito del voto minimo per le assunzioni di Postini. Questo significa che per lavorare come Portalettere non sarà più necessario avere una votazione minima per partecipare alle selezioni.

Le nuove regole stabiliscono che per accedere alle selezioni per i posti di lavoro in Poste Italiane sarà sufficiente possedere un diploma o una laurea, senza alcuna restrizione riguardante il voto conseguito. Ovviamente, saranno comunque richiesti tutti gli altri requisiti previsti per il ruolo in questione.

In sostanza, questo cambiamento offre una maggiore opportunità per coloro che desiderano lavorare come Postini, poiché non saranno più esclusi sulla base del loro rendimento accademico.

Poste Italiane elimina il voto minimo come requisito per i postini

Poste Italiane ha preso una decisione significativa nel panorama delle assunzioni per i Postini: l’eliminazione del requisito del voto minimo. Questa modifica, tanto attesa quanto discutibile sin dalla sua introduzione alcuni anni fa, ha suscitato un vivace dibattito tra i candidati interessati a lavorare come Portalettere presso l’azienda.

Nel corso degli ultimi anni, l’azienda ha oscillato su questo requisito: nel 2022 aveva già rimosso il vincolo del voto minimo (70/100 per il diploma e 102/110 per la laurea), solo per poi reintrodurlo ad agosto 2023. Tuttavia, Poste Italiane ha di nuovo cambiato rotta e deciso di abbandonare definitivamente il voto minimo come criterio di selezione per i Postini, a partire da febbraio 2024.

Questa decisione rappresenta una notizia estremamente positiva per coloro che ambiscono a una carriera nelle Poste, poiché ora i candidati potranno partecipare alle selezioni indipendentemente dal punteggio ottenuto nel loro percorso di studi. È importante sottolineare che il possesso del diploma o della laurea è fondamentale per candidarsi, mentre la licenza media non è considerata sufficiente.

LEGGI ANCHE  Pensioni: variazioni negli importi di marzo e aprile 2024 per Irpef e inflazione

Inoltre, è importante notare che per lavorare come Postini in Poste Italiane non è richiesta alcuna esperienza pregressa. È sufficiente possedere una patente di guida in corso di validità idonea per la guida dei mezzi aziendali, mentre per le posizioni nella Provincia di Bolzano è richiesto il patentino del bilinguismo (italiano-tedesco).

Come inviare la propria candidatura

Per quanto riguarda le candidature, l’annuncio di lavoro per i Postini, con l’eliminazione evidente del requisito del voto, è disponibile su questa pagina dedicata, dove vengono fornite dettagliate istruzioni su come procedere con la candidatura. Attualmente, Poste Italiane sta cercando Postini per assunzioni in diverse regioni italiane.

È importante tenere presente che Poste Italiane apre regolarmente selezioni per l’assunzione di Postini in tutto il territorio nazionale nel corso dell’anno. Di solito, le assunzioni avvengono tramite contratti a tempo determinato (CTD), con una durata variabile tra 3, 4 o 5 mesi.

Ulteriori opportunità di lavoro

Per quanto riguarda altre opportunità di lavoro e aggiornamenti, vi invitiamo a scoprire le aziende attive nell’assunzione in Italia e i loro piani di inserimento e sviluppo. Potete consultare la nostra pagina che raccoglie le offerte di lavoro più interessanti e le migliori aziende in cerca di personale.

Inoltre, per rimanere costantemente informati, potete seguire il nostro canale Whatsapp.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.